Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Eliseo avverte Ge e Siemens: indipendenza energetica per cedere Alstom

«Lo Stato deve necessariamente dire la sua. L’unico criterio sarà la creazione di attività e di occupazione in Francia, insieme all’assicurazione della nostra indipendenza energetica».
François Hollande ha indicato pubblicamente le garanzie chieste a chi vuol rilevare le attività energetiche di Alstom. In privato, ricevendo i maggiori protagonisti (i ceo di General Electric e Siemens e il principale azionista di Alstom, Martin Bouygues), ha chiesto a ognuno impegni specifici. Il presidente si muove su un terreno scivoloso: se lo Stato può dare un indirizzo in un settore strategico come l’energia, i tempi del dirigismo industriale appartengono al passato e i francesi non hanno i capitali per salvaguardare l’indipendenza di Alstom.
Adesso, i francesi dovranno scegliere tra General Electric e Siemens. Gli americani, dicono gli specialisti, offrono una maggiore complementarità industriale, i tedeschi, con la cessione di una parte delle loro attività ferroviarie, rafforzerebbero Alstom nel settore dell’alta velocità. A Ge il governo avrebbe chiesto di quotare il nuovo gruppo in Borsa per poter far entrare, con quote di minoranza, investitori pubblici e privati francesi; alla Siemens avrebbe domandato di cedere ad Alstom anche la costruzione di tram e metrò. Il ministro dell’Economia, Arnaud Montebourg, ha indossato i panni del patriota economico , senza nascondere una punta di anti-americanismo.
Hollande lo ha corretto, facendo delle attività e dell’occupazione i veri fattori dirimenti. In gennaio, Hollande aveva avanzato l’idea di un «Airbus dell’energia» europeo, ma l’idea appare oggi superata: malgrado il cauto appoggio di Berlino a un’intesa Alstom-Siemens, si arriverebbe a un gruppo tedesco dell’energia e uno francese del ferroviario, non alla creazione di un’azienda europea. Tutti questi parametri dovranno essere tenuti presenti dagli amministratori di Alstom, che forse già domani si pronunceranno, mentre stamani si riunisce il consiglio della Siemens. La preferenza di Alstom va all’offerta Ge, ma gli americani dovranno fare un sforzo e dare all’Eliseo molte garanzie per spuntarla.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nella stagione della pandemia aumentano i rischi per le imprese italiane che esportano: innanzit...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Unicredit definisce oggi il futuro assetto di governo sotto la guida del ceo designato Andrea Orcel ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Europa ha sbagliato a impedire all’Italia di salvare le proprie banche come Tercas, Etruria, M...

Oggi sulla stampa