Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Leggi all’intelligenza artificiale

I sistemi di Intelligenza Artificiale (I.A.) ad alto rischio saranno soggetti a obblighi rigorosi prima che possano essere immessi sul mercato. Ieri la Commissione europea ha proposto nuove regole e azioni per trasformare l’Unione nel polo mondiale «per un’intelligenza artificiale affidabile». Assicurando ad essa il primo quadro giuridico in materia; il nuovo sistema giuridico viene impostato sull’analisi del rischio nel ricorso alla tecnologia.

Il rischio viene classificato come: inaccettabile (i sistemi I.A. così etichettati vengono considerati una chiara minaccia per la sicurezza, i mezzi di sussistenza e i diritti delle persone. Vengono, dunque, vietati); alto; limitato; minimo.

In particolare, i nuovi meccanismi di Intelligenza Artificiale ad alto rischio dovranno disporre di:

 

  • adeguati sistemi di valutazione e attenuazione dei rischi;
  • elevata qualità dei set di dati che alimentano il sistema, per ridurre al minimo i rischi e i risultati discriminatori;
  • una registrazione delle attività per garantire la tracciabilità dei risultati;
  • una documentazione dettagliata che fornisca tutte le informazioni necessarie sul sistema e sulle sue finalità affinché le autorità possano valutarne la conformità;
  • informazioni chiare e adeguate per l’utente;
  • appropriate misure di sorveglianza umana, per ridurre al minimo i rischi;
  • un elevato livello di robustezza, sicurezza e accuratezza.Non solo: tutti i sistemi di identificazione biometrica remota verranno considerati ad alto rischio e soggetti a requisiti rigorosi. E il loro utilizzo in tempo reale – a fini di attività di contrasto in spazi accessibili al pubblico – sarà in linea di principio vietato. A riguardo, saranno poche le eccezioni consentite. E queste saranno rigorosamente definite e regolamentate. Ad esempio, si potrà ricorrere all’identificazione biometrica in tempo reale per cercare un minore scomparso solo ove strettamente necessario; oppure per prevenire una minaccia terroristica specifica e imminente; o anche per individuare, localizzare, identificare o perseguire autori o sospettati di un reato grave.

    Dunque, il ricorso ai sistemi d’identificazione biometrica in tempo reale saranno soggetti all’autorizzazione di un organo giudiziario e a limitazioni sul tempo, sulla portata geografica e sulle banche dati ricercate.

    Tornando al quadro più generale, la Commissione europea ha annunciato prossime interazioni generate tra il futuro quadro giuridico sull’I.A. e un nuovo piano coordinato con gli stati Ue, a garanzia della sicurezza e dei diritti fondamentali di persone e imprese. Accanto a questa architettura regolamentare arriveranno anche nuove norme sulle macchine e per la loro sicurezza.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo Google, anche Facebook firma un accordo che apre la strada alla remunerazione di una parte del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se lavori, niente assegno di invalidità. Lo dice l’Inps nel messaggio 3495 del 14 ottobre scorso...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ripensare, allungare, integrare Quota 102-104, eredi di Quota 100, per anticipare la pensione: tutt...

Oggi sulla stampa