Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’economia sommersa vale l’11,9% del Pil

Mafie, traffico di droga, contrabbando, prostituzione, riciclaggio ma anche lavoro in nero — soprattutto nel commercio, nei trasporti, negli hotel e ristoranti, nell’edilizia e nel lavoro domestico — valgono ben 211 miliardi di euro come valore aggiunto nell’economia italiana. I dati sono dell’Istat, nella rilevazione sull’«economia non osservata nei conti nazionali» per gli anni 2015-2018. Si tratta dell’11,9% del Pil. Il dato è in lieve miglioramento: rispetto al 2017 si riduce di circa 3 miliardi, «confermando la tendenza alla discesa dell’incidenza sul Pil dopo il picco raggiunto nel 2014 (13,0%)», evidenzia l’Istat.

L’economia sommersa — che comprende prevalentemente le sottofatturazioni e l’uso di manodopera irregolare ma anche gli affitti in nero e persino le mance — ammonta a poco meno di 192 miliardi di euro.

Le unità di lavoro irregolari nel 2018 sono 3 milioni 652 mila, in calo di 48 mila unità rispetto al 2017. Le attività illegali, a circa 19 miliardi. Nel calcolo rientrano «le attività di produzione di beni e servizi la cui vendita, distribuzione o possesso sono proibite dalla legge, e quelle che, pur essendo legali, sono svolte da operatori non autorizzati. Le attività illegali incluse nel Pil dei Paesi Ue sono la produzione e il commercio di stupefacenti, i servizi di prostituzione e il contrabbando di sigarette».

Per il 2018 l’Istat evidenzia che il calo nel valore aggiunto dell’economia sommersa — l’1,3% in meno sul 2017, quando la cifra totale era stata pari a 213,9 miliardi — è «in controtendenza rispetto all’andamento del valore aggiunto, cresciuto del 2,2%. L’incidenza dell’economia non osservata sul Pil si è di conseguenza ridotta di 0,4 punti percentuali, portandosi all’11,9%».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«C’è da sfamare il mondo, cercando allo stesso tempo di non distruggerlo». A margine dell’Op...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bollette, il governo conferma l’intervento straordinario da 3 miliardi per limitare l’aumento r...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non arriva come un fulmine a ciel sereno: da mesi in Parlamento si parla di entrare in aula con il ...

Oggi sulla stampa