Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Leasing, contratti sotto controllo

di Alessandro Felicioni  

Contratti di leasing ai raggi x per allargare l'operatività dell'accertamento sintetico. È operativa la disposizione introdotta dalla manovra d'estate dello scorso anno con la quale l'amministrazione finanziaria può provvedere a richiedere i dati dei contratti di leasing stipulati da persone fisiche e giuridiche, per commisurare il reddito dichiarato anche con il possesso di beni sintomatici di capacità contributiva non detenuti a titolo di proprietà.

Con il provvedimento 5 agosto scorso e con i chiarimenti offerti in una nota dalla direzione centrale accertamento dell'Agenzia delle entrate (22 settembre 2011) alle domande poste dall'associazione di categoria si completa il mosaico delle istruzioni tecniche e operative per dar corso al primo adempimento, relativo ai contratti già in essere nel 2009 e nel 2010, i cui dati vanno comunicati entro fine anno.

Il provvedimento testimonia ancora una volta, dove ce ne fosse bisogno, la retroattività delle modifiche introdotte nel 2010. L'art. 22 del dl n. 78/2010 aveva infatti previsto che la modifica introdotta esplica effetti per gli accertamenti per i quali il termine di dichiarazione non è ancora scaduto alla data di entrata in vigore del dl n. 78/2010 (in base all'art. 56, il giorno stesso della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, e dunque il 31 maggio 2010).

Si chiedono insomma i dati relativi ai contratti in essere nel 2009, ora per allora; ma è una storia ormai conosciuta: dietro il carattere procedurale della norma (che ne autorizzerebbe la valenza retroattiva) si celano spesso disposizioni sostanziali che richiedono dati e informazioni relative a periodi in cui nessuno era tenuto a conservarle. I contribuenti intestatari di contratti di leasing infatti potrebbero non aver posto così tanta cura nel monitorare le proprie spese e i propri movimenti di denaro relativi al 2009 e al 2010, in assenza di alcuna disposizione che potesse, potenzialmente, richiedere tali informazioni.

La richiesta alle società di leasing e agli intermediari indicati dal provvedimento rientra nell'ambito dei poteri attribuiti all'Agenzia di richiedere a pubbliche amministrazioni, enti pubblici, organismi e imprese, anche limitatamente a particolari categorie, di effettuare comunicazioni all'Anagrafe tributaria di dati e notizie in loro possesso. In particolare le disposizioni sono finalizzate all'acquisizione delle informazioni necessarie per l'accertamento sintetico dei contribuenti alla luce delle disposizioni di cui al dl n. 78 del 2010. Così il provvedimento datato 05 agosto 2011 definisce gli elementi principali della comunicazione dei dati relativi ai contratti di leasing, che gli operatori economici del settore devono trasmettere all'Anagrafe tributaria. I soggetti interessati dalle richieste sono le banche e gli intermediari finanziari che esercitano attività di leasing finanziario e/o operativo e gli operatori commerciali che svolgono attività di locazione e/o di noleggio. I contratti da comunicare riguardano il leasing finanziario, quello operativo, le locazioni e i noleggi, stipulati nei confronti sia delle persone fisiche sia delle persone giuridiche, aventi a oggetto autovetture, autocaravan e altri veicoli, unità da diporto e commerciali, aeromobili, immobili, beni mobiliari.

La trasmissione della comunicazione deve avvenire, a regime, entro il 30 giugno di ogni anno con riferimento ai contratti in essere nell'anno precedente. Per i contratti in essere nel 2009 e nel 2010 la scadenza unica è fissata la 31 dicembre prossimo. In verità tale adempimento per gli anni pregressi riguarda le comunicazioni cui sono tenute le società di leasing che non sono state destinatarie del questionario ai sensi dell'articolo 32 del dpr 600/1973, le società di leasing che non hanno ancora risposto al questionario e le società di capitali, non iscritte nell'elenco generale o in sue sezioni del Testo unico bancario, per i contratti di locazione e di noleggio in essere negli anni 2009 e 2010.

I soggetti tenuti alla comunicazione dei dati relativi ai contratti di leasing sono esonerati dalla comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un report pubblicato sul sito della banca centrale avverte che "è vicino il livello critico oltre ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Tesoro e Unicredit ufficializzano la rottura del negoziato su Mps, avviato in esclusiva il 29 lu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Precari da ventenni. Sottopagati da trentenni e quarantenni. Esodati da sessantenni. E poverissimi ...

Oggi sulla stampa