Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le tappe in Europa delle aziende

Oltre alle istituzioni e alla politica, i privati si muovono in parallelo nel mondo della diplomazia per favorire il trasferimento dell’Ema a Milano. Sono undici le tappe previste dalla delegazione formata da aziende e associazioni. Oggi sarà la volta di Stoccolma. Il 23 ottobre il gruppo si sposterà a Copenaghen e il 24 a Lisbona; seguiranno poi incontri a La Valletta, Varsavia e Atene. Le tappe che si sono già svolte sono Nicosia, Bucarest, Sofia, Lubiana e Tallin. Il gruppo di lavoro è composto dalle aziende Bracco, Chiesi, Angelini, Menarini, Sol, Siad, Enel, Techint, Mapei, Geox, a cui si aggiungono Confindustria, Federchimica, Camera di commercio di Milano, Farmindustria, Assolombarda, Politecnico di Milano, Università Statale di Milano e Bocconi.
Gli incontri si svolgono con le imprese locali, a cui viene spiegato il valore aggiunto di Milano. Prima di tutto la presenza di una sede già pronta che garantirebbe la continuità del lavoro già dal giorno dopo del trasferimento – fatto che poche altre città possono vantare. A questo indubbio vantaggio ci sono altri elementi da valorizzare: la presenza di scuole internazionali di alto livello, dove i funzionari dell’Ema potrebbero iscrivere i loro figli; la facilità di collegamenti con aeroporti e treni; la qualità della vita e un sistema di trasporto cittadino efficiente; un settore medico e farmaceutico all’avanguardia, che «dà garanzie alle famiglie che si trasferiscono qui, anche più di altre città europee», sottolinea Alessandro Spada, vicepresidente di Assolombarda e membro della delegazione diplomatica per Ema.
«Cerchiamo di convincere, anche noi nel nostro settore privato, che Milano è una città adeguata. Abbiamo una grande offerta di scuole con programmi sperimentali, ospedali di alto livello, facilità di spostamenti – prosegue Spada – Tutti elementi meno presenti anche in altre città europee, come Copenaghen. Inoltre inutile dire che Bratislava in questo momento non è proponibile, e non solo per i servizi di minore livello, ma anche per la “diversa” e meno forte visione dell’Europa unita».
La concorrente più temibile per Milano, secondo gli imprenditori, è Amsterdam, che ha un buon livello di collegamenti ed è molto internazionale, anche dal punto di vista linguistico. Il suo limite è il fatto che la sede debba ancora essere costruita. Fatto non irrilevante. «Milano secondo noi è una piccola Londra del Sud», ribadisce Spada.
Per quanto riguarda gli schemi di politica internazionale e le strategie delle alleanze, il mondo delle imprese si dice certo che prevarrà un “blocco” mediterraneo, dove i paesi del Sud potrebbero sostenersi con efficacia. Peraltro, così come la rappresentanza del governo e delle istituzioni locali, anche i privati stanno tentando di costruire alleanze già da subito con quegli otto paesi che non si candidano e che già durante la prima fase di voto potrebbero esprimere una preferenza per l’Italia. La soluzione «ideale», secondo Spada, è che l’Eba possa essere affidata a Francoforte, mentre l’Ema al Sud dell’Europa. E quindi a Milano.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa