Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le start up targate Europa crescono ma non sfondano

Nascono e si moltiplicano le start-up europee che però rispetto a Stati Uniti e Asia fanno fatica a diventare casi di successo e, ancor meno, “unicorni”, le aziende innovative che sul mercato sono valutate dal miliardo di dollari in su. E che in Europa si contano sulle dita della mano, segno che qualcosa si inceppa nel lungo percorso che va dall’idea al business su larga scala. Lo spiega a chiare lettere il rapporto «Europe’s start-up ecosystem: Heating up, but still facing challenges» realizzato da McKinsey & Company, big della consulenza manageriale a livello mondiale.

Dai primi finanziamenti agli «unicorni»

Il rapporto che il Sole 24 Ore è in grado di anticipare ha studiato dieci anni di dinamiche nel mercato delle imprese tecnologiche ad alto potenziale innovativo. E ha concluso che nell’ultimo decennio il mercato globale delle start up è dominato dagli Stati Uniti, con il 45% delle imprese sostenute da venture capital, seguiti dall’Europa con il 36%, dall’Asia con il 17% e infine dall’America Latina con solo il 2 per cento. Ma è quello che succede nel tempo a fare la differenza: perchè se oltreoceano c’è una concentrazione del 50% di unicorni, con start up partite da zero e arrivate a essere valutate diversi miliardi di dollari, nel vecchio continente il dato crolla al 14%, mentre l’Asia si attesta al 33% e l’America Latina al 2.

Nel percorso che separa i primi finanziamenti («seed») e i casi di successo c’è una strettoia che si assottiglia progressivamente in Europa (compreso il Regno Unito) mano a mano che l’impresa si rafforza e sbarca sui mercati esteri. Questo imbuto è articolato nei vari round di finanziamento: tra il 2009 e il 2014, su un campione analizzato da McKinsey, sono 5.417 le start up europee in fase “seed”: di queste solo 756 conquistano la serie A (finanziamenti per il lancio sul mercato), e di queste solo 297 la serie B (espansione del prodotto e sbarco sui mercati stranieri). In serie C, D ed E (consolidamento e ulteriore espansione) se ne contano 138, anche se in tutto il percorso dei round di finanziamento nel frattempo ne sono uscite 647. Chi si ferma a un primo stadio di investimento, quindi, temporeggia rinviando le successive fasi di consolidamento ed espansione che nella maggior parte dei casi implicano la rinuncia a una crescita da unicorno. Questo, rileva McKinsey, non implica però una più marcata propensione al fallimento: quella europea non supera quella statunitense.

Le ragioni di un mancato decollo

«L’Europa, compresa Uk, ha un Pil sostanzialmente comparabile a quello degli Stati Uniti – spiega Alessio Botta, partner responsabile di McKinsey Digital per il Mediterraneo – ma il Pil europeo è frammentato in Paesi con sistemi regolatori, valute e lingue diverse. Questa frammentazione è il primo freno allo sviluppo delle start up europee». A mettere i bastoni tra le ruote c’è anche però il problema dei finanziamenti. «Sempre a parità di Pil complessivo, l’Europa registra una capacità di venture capital molto meno sviluppata, che si attesta a circa un quinto rispetto a quella degli Stati Uniti. E qui veniamo al terzo motivo di questo ritardo: e cioè il fattore culturale che fa sì che l’Europa abbia una propensione al rischio inferiore negli investimenti in confronto agli Usa». Un ritardo ben rappresentato dall’analisi sulle fonti di finanziamento: in Europa dominano le agenzie governative (24%) e gli investitori corporate (17%), mentre negli Stati Uniti primeggiano i fondi pensione (20%), capital market e fondi sovrani (16%).

E qui però si rintraccia un punto di forza delle imprese europee. «I corporate venture capital che le grandi aziende strutturano per investire in tecnologia – conclude Botta – possono innescare un circolo virtuoso tra aziende tradizionali in cerca di innovazione e start up».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa