Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le sanzioni sono rimborsabili

Anche le somme versate per la definizione agevolata delle sole sanzioni, che di regola non sono rimborsabili, devono essere restituite al contribuente se l’atto originario è in contrasto con le norme comunitarie. In questo caso il giudice di merito deve disapplicare la disposizione fiscale italiana e considerare l’atto «tamquam non esset» (come se non esistesse). A deciderlo è stata la Ctr Lazio nella sentenza n. 4639/02/16.

Il caso vedeva coinvolta una fondazione di diritto austriaco, raggiunta da una contestazione dell’Agenzia delle entrate in merito all’imposta di successione. L’ente era stato nominato quale unico erede testamentario da parte di un soggetto deceduto. La fondazione procedeva al pagamento delle sole sanzioni in via agevolata (versando un terzo del minimo di legge), procedendo a impugnare l’atto. Nelle more del giudizio,però, interveniva la legge n. 161/2014, cosiddetta «legge europea 2013-bis», che modificava la disciplina di riferimento. In particolare, il provvedimento ha introdotto l’esenzione in favore degli enti senza scopo di lucro, delle fondazioni e delle associazioni costituite all’estero in un o stato Ue/See, con l’obiettivo di sanare le procedure di infrazione n. 2012/2156 e n. 2012/2157 avviate da Bruxelles contro l’Italia. La Ctp di Roma dichiarava perciò la cessata materia del contendere, condannando l’ufficio alla restituzione delle sanzioni versate. Da qui l’appello dell’amministrazione finanziaria, sulla base del fatto che sia la Cassazione sia la prassi hanno affermato nel corso del tempo che il pagamento delle sanzioni agevolate preclude al contribuente la possibilità di ottenerne la restituzione.

Non così, però, quando la regola violata collide a sua volta con la normativa dell’Ue: «L’ordinamento interno in contrasto con l’ordinamento comunitario è di grado inferiore», osserva la Ctr, «e il giudice è tenuto all’applicazione della norma comunitaria in contrasto con quella nazionale». Da qui il rigetto dell’appello dell’ufficio.

Valerio Stroppa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È un falso dilemma» che la Bce abbia un solo mandato e la Federal Reserve due. Anche la Banca ce...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un intervento normativo finalizzato a favorire il rafforzamento patrimoniale delle società di capit...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scuola e lavori pubblici, settore residenziale e miglioramento delle norme in fatto di appalti, come...

Oggi sulla stampa