Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le Poste nel forziere. E l’obiettivo: aiutare le imprese

Mantenere alta l’onda dei dividendi: per non scontentare i soci, cioè le Fondazioni bancarie che da Cassa depositi e prestiti vogliono cedole abbondanti e costanti. In un momento di rendimenti sottozero degli investimenti in titoli di Stato, è questo un motivo oggettivo per il quale il 25 maggio scorso la Cdp, in linea con l’azionista Tesoro (80,1%) e le indicazioni del governo, si è ripresa in pancia, al valore di 2,9 miliardi, il 35% dell’azienda ora guidata da Francesco Caio.

La quota di Poste le è stata conferita dal ministero dell’Economia a cui la stessa Cdp, con altri vertici, l’aveva ceduta nel 2010 per più soldi: 3,29 miliardi. Una retromarcia dopo sei anni, che sancisce la nuova fase di Cassa come «istituto di promozione nazionale» e ha, secondo più fonti, più ragioni.

Le cedole

La prima, appunto, è il rapporto con le Fondazioni che di Cdp hanno il 18,4%. Fu lo stesso presidente dell’Acri, Giuseppe Guzzetti, nel giugno 2015, a porre i dividendi come condizione inderogabile delle Fondazioni per l’ok al cambio di vertici e missione di Cdp, voluto dal governo Renzi. Ed è stato difatti di 853 milioni di euro il dividendo deliberato da Cdp anche per il 2015: lo stesso del 2013 e 2014. Di questi, 159 milioni sono andati alle Fondazioni (693 al Tesoro). Con Poste, che distribuisce in dividendi l’80% dell’utile netto, il flusso può essere assicurato (al bilancio 201, il 35% di Poste vale 154 milioni di dividendi, per esempio).

L’altra ragione è il rafforzamento di Poste, voluto dal governo anche in vista della quotazione della seconda porzione. Il 29,7% che Poste dovrà mettere sul listino (presentazione agli analisti attesa in ottobre) ai prezzi attuali di Borsa vale 2,6 miliardi. Troppo poco per raggiungere l’obiettivo di privatizzazioni 2016 di 8 miliardi, dopo lo slittamento della quotazione di Fs. Dalla vendita di Grandi Stazioni e dal debutto in Borsa dell’Enav dovrebbero entrare infatti circa 1,5 miliardi, che sommati ai 2,9 di Poste fanno circa 4,5 miliardi. Poco più della metà dell’obiettivo. L’idea è che Poste in Cdp possa essere valorizzata, più che lasciandola al Mef: magari ampliandone la gamma di prodotti, per clienti come le imprese. E facilitando sinergie o acquisizioni, come sull’ecommerce con Sia.

Il conferimento di Poste è comunque il segno tangibile della svolta di Cassa. A costo (quasi) zero: avverrà (dopo lo stacco del dividendo del 20 giugno) con aumento di capitale riservato al Tesoro, dunque senza esborso di soldi. La sola variazione è che il Tesoro salirà in Cdp all’82,8% e le Fondazioni scenderanno al 15,9%. «Poste è un asset di pregio — dice Stefano Caselli, prorettore all’Università Bocconi — . Questa è la prima riorganizzazione finanziaria seria degli attivi di Cdp. Porta nuovi fondi, risponde alla discesa degli utili e dà lo slancio necessario per sostenere una logica più d’intervento negli affari strategici di sistema».

Poste si aggiunge alle partecipazioni di Cdp in Eni, Fintecna, Fincantieri, Snam e Terna. Apporta liquidità in un momento di utili netti in calo (893 milioni la capogruppo Cdp nel 2015, -59% dal 2014; 859 milioni la perdita dell’intero gruppo, contro l’utile precedente di 2,7 miliardi). Arriva in un mese, giugno, nel quale il gruppo di Claudio Costamagna e Fabio Gallia è impegnato, fra l’altro, su altre tre partite: l’Ilva, il Fondo Atlante e Metroweb. La parola «salvataggi» non è più tabù, se designa il supporto al Paese e Cdp è anchor investor . Ma servono soldi, chiaro.

Per entrare nella newco sana dell’Ilva, Cdp dovrebbe stanziare, secondo fonti di mercato, 100-200 milioni; in Atlante, che sostiene le banche acquistandone anche i crediti deteriorati per evitare terremoti finanziari, ha messo a disposizione fino a 500 milioni; e se farà la banda larga unendo Metroweb con Enel Open Fiber, potrebbe dovere affrontare un investimento pro-quota (fino a 4 miliardi quello previsto nel complesso dal piano).

Il risparmio

Ci sono dei rischi, in tutto ciò, sul risparmio postale, su cui Cdp fonda la raccolta? I prodotti postali sono comunque garantiti, è una risposta. Comunque «Atlante sarà la cartina di tornasole — nota Caselli —. Deve agire da private equity, entrare nelle banche per valorizzarle. E poi uscirne». Nulla di semplice.

Perciò al Tesoro l’ufficio di Antonino Turicchi, direttore generale dal 6 maggio, lavora pancia a terra. Il 12 maggio, con decreto sulla Gazzetta Ufficiale firmato dal ministro Pier Paolo Padoan, è stato alzato il rendimento del conto di Tesoreria su cui Cdp deposita la raccolta postale (interesse calcolato all’80% sulla media dei Btp a 10 anni, che rendono, e al 20% sui Bot a sei mesi, che perdono). Intervento atteso.

Il nodo resta il rapporto fra Cdp, che produce libretti postali e buoni fruttiferi, e Poste, che li distribuisce. Cdp dà per questo a Poste 1,6 miliardi sui suoi 252 miliardi di raccolta postale. Con i tassi bassi e il calo della raccolta, sarebbe costretta a rinegoziare la convenzione: ma con Poste in casa, il rapporto può essere più fluido. Conflitto d’interessi? No: i criteri d’indirizzo e gestione di Poste restano al Tesoro. E comunque i futuri rapporti economici tra Poste e Cdp andranno valutati come operazioni fra parte correlate.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa