Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le partite aperte tra giudici e bilanci

Attenzione alla Robin Hood tax. Perché, se l’addizionale Ires imposta alle imprese del settore petrolifero ed energetico nel 2008 agli albori del governo Berlusconi (dal decreto legge 112/2008), fosse giudicata illegittima dalla Corte costituzionale, si aprirebbe l’ennesimo buco nelle casse dello Stato. La partita non è di poco conto: basti pensare che il gettito della Robin tax previsto nel triennio 2012-2014 vale 3,6 miliardi.
La questione – portata all’esame della Consulta dalla Ctp di Reggio Emilia – prende le mosse dal ricorso di un’impresa che gestisce una rete di distributori di carburanti la quale, dopo aver pagato – per cautelarsi – l’imposta, ha chiesto il rimborso. E, per sostenere la tesi dell’incostituzionalità ha puntato, come si legge nell’ordinanza, sull’«irrazionale incidenza dell’aggravio impositivo sulle imprese di un unico settore produttivo» e sulla «discriminazione, all’interno di questo, fra imprese con maggiore o minore volume di ricavi», che provoca una «compressione dell’iniziativa economica privata e della libertà di concorrenza». Il ricorso sarà esaminato dalla Consulta nell’udienza pubblica del 30 gennaio 2013.
E questo non è l’unico caso in cui dalla Corte costituzionale può arrivare una scossa (negativa) ai conti pubblici. Tra i dossier in attesa di pronuncia ci sono infatti anche le questioni di legittimità costituzionale sollevate sull’indeducibilità dei costi da reato, da un lato, e dell’Irap dalla base imponibile Ires, dall’altro. Le precedenti ordinanze in materia della Consulta hanno però già “stimolato” il legislatore che ha in parte corretto le norme impugnate: il Dl sulle semplificazioni fiscali (16/2012) ha limitato l’indeducibilità ai costi dei beni direttamente utilizzati per compiere un delitto non colposo, mentre il decreto legge salva Italia (2012/2011) ha disposto la deducibilità totale dell’Irap in relazione alle spese per il personale. L’aggravio per i conti pubblici è quindi arrivato direttamente con legge.
Dopo gli anni ’90, in effetti, le sentenze di incostituzionalità con oneri di spesa rilevanti per le casse pubbliche (nel mirino erano state soprattutto previdenza e sanità) sono diminuite: ma non mancano casi recenti in cui lo Stato ha dovuto aprire i cordoni della borsa o a varare nuove norme per “arginare” i danni.
La sentenza 335/2008 che ha dichiarato illegittimo applicare sulle tariffe dell’acqua i canoni di depurazione dove non c’è il depuratore ha comportato un “buco” di oltre tre miliardi da restituire agli utenti e 350 milioni di minori entrate, all’anno, per i gestori del servizio. Con diversi interventi normativi è stata limata la portata dei rimborsi: i termini di prescrizione sono stati fissati in 5 anni e dagli indennizzi sono state sottratte le somme per gli investimenti programmati per completare il servizio di depurazione.
È ancora aperto, invece, il controverso dossier dell’Iva sulla Tia, la tariffa di igiene ambientale istituita nel 1997: secondo la Consulta, infatti, non si può applicare l’Iva su un prelievo che è a tutti gli effetti di natura tributaria. Il conto dei rimborsi (ancora non effettuati) arriva a un miliardo.
E un’altra piccola crepa nelle finanze pubbliche la promette la sentenza 198/2012 che ha bocciato l’applicazione alle Regioni a statuto speciale dei limiti alle indennità dei consiglieri fissati dal Dl 138/2011. Spiccioli, rispetto alle altre vicende, ma pur sempre arretrati da pagare.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa