Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’e-commerce può costare caro

di Roberto Rosati 

L'intermediario che, tramite un portale elettronico, mette in vendita beni per conto di un'impresa extracomunitaria che li spedisce direttamente agli acquirenti senza assolvere le formalità d'importazione, risponde dei tributi evasi qualora, con l'ordinaria diligenza, avrebbe potuto rendersi conto che le merci sarebbero state introdotte irregolarmente nella Comunità. Spetta alle autorità nazionali accertare la condizione soggettiva che dà luogo alla responsabilità dell'intermediario, tenendo presenti le circostanze di fatto. È quanto emerge dalla sentenza della Corte di giustizia Ue del 17 novembre 2011, causa C-454/10, che risolve una questione sollevata dai giudici tedeschi nell'ambito di una controversia sorta in seguito alla richiesta di pagamento dei dazi doganali e dell'Iva che l'amministrazione finanziaria aveva notificato ad un intermediario tedesco che metteva all'asta articoli originari della Cina in due negozi on line gestiti sulla piattaforma internet eBay.

L'intermediario concludeva i contratti di vendita per conto del fornitore cinese e ne incassava il corrispettivo, mentre alla spedizione delle merci agli acquirenti provvedeva direttamente il fornitore cinese a mezzo del servizio postale, senza adempiere gli obblighi doganali.

L'ufficio fiscale aveva fondato la pretesa facendo valere la responsabilità dell'intermediario in base all'art. 202, n. 3, secondo trattino, del codice doganale comunitario. Il giudice d'appello, dubitando della soluzione, decideva di sospendere la causa per chiedere alla corte di giustizia se un'obbligazione doganale, derivante dalla partecipazione all'irregolare introduzione della merce ai sensi della citata disposizione, possa configurarsi a carico del soggetto che, senza prender parte direttamente all'introduzione stessa, abbia assolto la funzione di intermediario nella conclusione dei contratti di compravendita, prevedendo l'eventualità che il venditore potesse evadere i dazi all'importazione e se, a tal fine, sia sufficiente che l'intermediario ritenga tale circostanza possibile ovvero se divenga debitore solo nel caso che preveda il suo verificarsi.

Nella sentenza, dopo avere richiamato il quadro normativo, la Corte osserva che l'intermediario non può essere debitore dell'obbligazione doganale nei limiti in cui la sua attività consisteva soltanto nell'intervenire nella conclusione dei contratti di compravendita delle merci, nell'incassare il corrispettivo e nel comunicare al fornitore i nomi e l'indirizzo degli acquirenti. Le disposizioni considerano debitore in dogana la persona che ha introdotto materialmente le merci senza dichiararle e le persone che hanno acquistato o detenuto tali merci successivamente alla loro introduzione. Tuttavia, la qualifica di debitore si estende alle persone che hanno partecipato alle operazioni d'introduzione irregolare delle merci «sapendo o dovendo secondo ragione sapere che tale introduzione era irregolare».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

TORINO — La produzione della 500 elettrica ferma i contratti di solidarietà nel polo torinese, tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non deve essere imputata la società unipersonale. Non sulla base del decreto 231. In questo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora al palo la corsa agli aumenti di capitale agevolati dall’articolo 26 del Dl 34/2020...

Oggi sulla stampa