Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le borse vanno in rosso

Seduta in profondo rosso per l’azionario europeo, penalizzato anche da alcune prese di profitto dopo i recenti rialzi. A pesare sono state, da un lato, le preoccupazioni per una seconda ondata del coronavirus e, dall’altro, le indiscrezioni secondo cui gli Stati Uniti stanno pensando a nuovi dazi su 3,1 miliardi di dollari (2,75 mld euro) di importazioni dall’Europa. A Milano il Ftse Mib ha perso il 3,42% a 19.162 punti. Giù anche Francoforte (-3,43%), Londra (-3,11%) e Parigi (-2,92%). A New York il Dow Jones e il Nasdaq cedevano rispettivamente il 3,09 e il 2,67%.

I rendimenti obbligazionari nell’Eurozona hanno archiviato la giornata in lieve calo. Gli investitori si sono spostati verso asset più sicuri come i titoli di stato e il decennale tedesco è sceso di 3 punti a -0,44%. In lieve allargamento lo spread Btp-Bund a 170. Nel frattempo le imprese tedesche vedono la luce in fondo al tunnel: l’indice Ifo, che misura la fiducia, si è attestato a 86,2 punti questo mese, in ripresa rispetto ai 79,5 di maggio e al di sopra del consenso degli economisti. «Il clima è ulteriormente migliorato», ha spiegato Clemens Fuest, presidente dell’istituto Ifo. «Si tratta dell’aumento più forte mai registrato».

A Piazza Affari pesante il comparto oil, nella scia della flessione dei prezzi del petrolio: Tenaris -6,19%, Eni -4,77%, Saipem -4,52%. Male gli industriali Cnh I. (-5,84%), Pirelli (-5,06%), Leonardo (-4,59%), Fiat Chrysler (-4,40%), Buzzi Unicem (-4,25%), Ferrari (-3,27%) e Prysmian (-2,63%). Lettera anche sul comparto bancario: Mediobanca -5,72%, Banco Bpm -5,30%, Bper -5,08%, Unicredit -4,25%, Ubi -3,50%, Intesa Sanpaolo -2,61%.

Su Tim (-4,46% a 0,36 euro) Ubs ha ridotto il prezzo obiettivo da 0,41 a 0,23 euro, confermando il rating sell. Le vendite nella fase finale hanno colpito Campari (-2,57%). Inversione di rotta anche per Atlantia (-2,63%), dopo i rialzi della mattinata grazie alle attese per un’intesa con il governo sulle concessioni autostradali.

Tra le mid cap ha contenuto le perdite Cattolica (-0,55%) dopo le indiscrezioni secondo cui Vittoria assicurazioni potrebbe entrare nella società nell’ambito dell’aumento di capitale da 500 milioni. In rialzo Mutuionline (+3,17%), mentre hanno perso terreno doValue (-6,83%), Ovs (-6,72%) e Astm (-5,42%). Poco sotto la parità Tinexta (-0,17% a 11,98 euro), promossa da Banca Akros a neutral, con il target price che passa da 9 a 12 euro. Su Aim in luce Cy4Gate nel giorno del debutto (articolo a pagina 26).

Nei cambi, l’euro è terminato in calo sul dollaro a 1,1266.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al via l ’alleanza con la piattaforma Fabrick per offrire alle banche le gestioni patrimoniali. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Europa scommette sull’idrogeno per centrare gli obiettivi climatici del Green deal. La rivoluz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È partita ieri l'offerta pubblica di scambio volontaria (Ops) promossa da Intesa Sanpaolo sulla tot...

Oggi sulla stampa