Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le Borse sbandano, poi annullano le perdite

Una reazione emotiva, legata anche all’incertezza e all’escalation delle notizie che si rincorrevano sul pesante bilancio degli attacchi terroristici, e niente più. Chiusi nel loro cinismo, o forse semplicemente legati alla praticità, i mercati sostanzialmente ignorano gli eventi di Bruxelles, così come in fondo avevano reagito con un’alzata di spalle agli attacchi di Parigi 4 mesi fa. Con un aggravante: se a novembre si era avuto modo di metabolizzare le esplosioni e le vittime durante il finesettimana che aveva preceduto la riapertura dei mercati, ieri la tensione (e il suo allentamento) è stata vissuta in diretta.
Il risultato però è stato lo stesso, tranne una sbandata iniziale che ha provocato vendite sulle azioni (soprattutto quelle legate ai settori più colpiti in modo diretto, come le linee aeree e i viaggi) e conseguenti acquisti sui beni rifugio più classici quali oro, bund, dollaro e yen, tutto si è poi risolto in un nulla di fatto: Piazza Affari ha recuperato il -2% della mattinata terminando a +0,01% e altrettanto hanno fatto gli altri listini del Vecchio Continente (la piazza di Bruxelles ha guadagnato lo 0,17%): l’euro è risalito sopra quota 1,12 dollari; lo spread fra BTp e Bund si è riportato a 104 punti base, con il decennale italiano all’1,25 per cento.
Certo, qualche buona notizia dal panorama macroeconomico, come il recupero oltre alle attese dell’indice Ifo tedesco (106,7 punti a marzo) o le contestuali indicazioni di sostanziale tenuta del settore manifatturiero rilevati dall’indice dei direttori d’acquisto Pmi, hanno contribuito a non far perdere la bussola agli investitori nel momento più delicato della giornata. Resta tuttavia evidente che eventi pur tragici come quelli di Bruxelles o Parigi non hanno l’impatto immediato sui listini che si poteva pensare o registrare qualche tempo fa. Non che siano neutrali agli occhi degli investitori: «Eventi come quelli di ieri – spiegava Andrew Balls, responsabile della gestione dei portafogli di Pimco per l’Europa e l’Asia, ieri a Milano – aumentano i rischi politici, rafforzando l’ipotesi di una Brexit o le problematiche legate alla crisi dei rifugiati in Europa, ma in generale resta molto difficile costruire una vera e propria strategia di investimento sui rischi geopolitici».
Qualche vittima, intesa in senso finanziario naturalmente, sul terreno è comunque rimasta: la sterlina, che ha perso circa l’1% su euro e dollaro proprio per i possibili riflessi degli attacchi terroristici sul referendum che potrebbe decretare l’uscita dall’Unione europea della Gran Bretagna.
Male anche il settore che più direttamente subisce l’impatto della notizia: quello dei viaggi. Dopo gli attentati terroristici nell’aeroporto e nella metropolitana Bruxelles ha sospeso temporaneamente tutti i collegamenti aerei e ferroviari con la città che è sede degli uffici dell’Unione europea e della Nato. Le compagnie aeree sono state costrette a dirottare su altri aeroporti i voli con scalo nell’hub belga e si teme che l’allerta terrorismo, già alta dopo gli attentati di Parigi dello scorso novembre, possa spingere i cittadini europei a viaggiare di meno. Al termine degli scambi l’indice settoriale Stoxx 600 Travel&Leisure registra un calo dell’1,76% con la peggiore performance tra i panieri settoriali. Male in particolare il titolo Air-France (-3,96%), il tour operator tedesco Tui (-2,79%) e la low cost Ryanair (-2,19%). Lufthansa, che controlla l’ex monopolista belga Brussels Airlines, perde invece l’1,33 per cento.

Maximilian Cellino e Andrea Franceschi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vietato giocarsi il futuro del Paese, usando la giustizia come pericoloso terreno di conflitto. O pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

C’è una gag, in vita Arenula. La riforma del processo civile, la più importante di tutte perché...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da quando ha messo piede in via Arenula il 13 febbraio la giurista Marta Cartabia ha perseguito un o...

Oggi sulla stampa