Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le borse partono deboli

Giornata debole per le borse europee, che hanno chiuso con ribassi frazionali tranne Londra. A Milano il Ftse Mib ha perso lo 0,53% a 19.968 punti scendendo sotto la soglia di 20 mila. Nel resto del continente sono terminate in calo Francoforte (-0,35%) e Parigi (-0,34%), mentre Londra è rimasta poco sopra la parità (+0,07%).

Sul listino tedesco Deutsche Bank è crollata dopo la presentazione dei termini dell’aumento di capitale da 8 miliardi di euro: il titolo si è piazzato in fondo all’indice Dax 30 lasciando sul terreno il 3,72%. La ricapitalizzazione partirà oggi per concludersi il 6 aprile: l’istituto emetterà 687,5 milioni di azioni al prezzo di 11,65 euro ciascuna, con uno sconto del 35% rispetto alla chiusura di venerdì scorso.

A New York gli indici viaggiavano poco mossi, con il Dow Jones in ralzo dello 0,04% e il Nasdaq invariato. Lo spread fra Btp decennali e Bund tedeschi è salito leggermente a 193.

A Piazza Affari le banche hanno chiuso contrastate: Ubi B. +0,29%, Banco Bpm invariata, Intesa Sanpaolo poco mossa, mentre Mediobanca ha ceduto lo 0,24%, Bper l’1,19% e Unicredit l’1,23%.

In positivo Unipol (+2,49%), UnipolSai (+2,44%), YNap (+1,62%), A2A (+1,48%) e Italgas (+0,81%). In lieve calo Telecom Italia (-0,37% a 0,811 euro). Mediobanca Securities (outperform, target price a 1,34 euro) cita due catalizzatori che guideranno l’andamento del titolo: i risultati del primo trimestre e il rinnovo del cda. Poste italiane ha perso l’1,31% a 6,41 euro dopo che il ministero dell’economia ha deciso di non rinnovare il mandato all’a.d. Francesco Caio. Forti vendite su Leonardo (-3,60%) dopo la notizia che Alessandro Profumo prenderà il posto dell’amministratore delegato Mauro Moretti.

Nel resto del listino in gran spolvero Cattolica ass. (+7,54% a 6,85 euro): Equita sim ha alzato la raccomandazione da hold a buy, con il prezzo obiettivo che cresce del 16% a 7,8 euro. Gli analisti definiscono la valutazione del titolo «interessante». Ben comprate anche Mondo Tv France (+15,56%), Bialetti I. (+10,73%), Piquadro (+7,4%) e Gefran (+7,19%).

Nei cambi, l’euro ha chiuso in progresso sopra 1,07 dollari a 1,0753: il biglietto verde ha perso terreno dopo la prudenza dimostrata dalla Fed sui tassi di interesse. Euro-yen a 121,09.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in ribasso, con il Brent a 51,68 dollari (-10 centesimi) e il Wti a 48,33 (-45 cent). Hanno prevalso gli acquisti sull’oro, che guadagnava 4 dollari a 1.233.

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa