Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le borse non si scompongono

Restano in territorio positivo le borse europee, tranne quella britannica che ha chiuso in controtendenza per il secondo giorno consecutivo. Invariato l’indice Ftse Mib a Piazza Affari, stabile a 22.233 punti. In progresso frazionale Francoforte (+0,23%) e Parigi (+0,16%), mentre Londra ha perso lo 0,28%.

A New York, dopo il record di martedì, i listini viaggiavano poco mossi, con il Dow Jones vicino alla parità e il Nasdaq in calo dello 0,12%.

Lo spread Btp-Bund è salito leggermente a 163,600 in una seduta ricca di aste. Il Tesoro italiano ha collocato tutti gli 8 miliardi di euro di Btp a medio e lungo termine (scadenze a 3, 7 e 20 anni), con tassi in discesa. Il rendimento medio del titolo triennale è calato allo 0,05% dallo 0,23% del collocamento di luglio e quello del settennale all’1,52% dall’1,57%. Il tasso del Btp a 20 anni è risultato pari al 2,74%. L’emissione ha ottenuto, quindi, un risultato positivo. «È stato collocato l’intero importo, con una domanda solida da parte degli investitori», afferma Luca Cazzulani, economista obbligazionario di Unicredit. «Il Btp a sette anni ha avuto una buona richiesta, con rapporto di copertura pari a 1,37 e rendimento dell’1,52%. Molto soddisfacente anche l’asta a scadenza 2036, forse con un risultato migliore di quella a sette anni».

Inoltre la Germania ha piazzato 2,45 miliardi di euro di Bund al 2027 con un rendimento allo 0,39% rispetto allo 0,41% dell’asta del 23 agosto, e rapporto di copertura piuttosto solido a 1,6 dall’1,3 precedente.

A Milano acquisti sui titoli bancari: Banco Bpm +1,68%, Intesa Sanpaolo +0,69%, Mediobanca +0,63%, Ubi B. +0,60%, Unicredit +0,06%, Bper +0,04%. In rialzo B. Unicem (+1,37% a 21,53 euro), su cui Mediobanca Securities ha alzato la raccomandazione a outperform, con il prezzo obiettivo che passa da 24,5 a 24 euro. Gli esperti sottolineano che in agosto si è verificata una serie di eventi avversi, tra cui l’uragano Harvey in Texas e la debolezza del dollaro, che hanno portato a un abbassamento delle stime di ebitda del 4%.

In lieve progresso Campari (+0,16% a 6,16 euro): Berenberg ha confermato la raccomandazione buy e il target price a 7,4 euro.

Pesante Mediaset (-4,98% a 2,94 euro), su cui Macquarie ha abbassato il rating a underperform, con obiettivo a 2,1 euro. Gli analisti citano lo scenario politico italiano contrastato in vista delle elezioni dell’anno prossimo.

Nel resto del listino pesante ePrice (-7,53%), che ha archiviato il primo semestre in perdita.

Nei cambi, chiusura in calo per l’euro sotto 1,20 dollari: la moneta unica, dopo il passaggio dell’uragano Irma e le sanzioni Onu alla Corea del Nord, si è attestata a 1,1913 e a 131,74 yen.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in rialzo, con il Brent a 54,89 dollari (+62 centesimi) e il Wti sul filo di 49 dollari (+75 cent). Continuano le prese di profitto sull’oro, che cedeva circa 6 dollari a 1.323.

Massimo Galli

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

II default di Archegos e le maxi perdite di Melvin Capitai non hanno intaccato la ricerca di strate...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

"Di picchetti, anche molto duri, ne ho fatti tanti nella mia vita sindacale.Ho bloccato i camion ne...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo luglio, dopo 493 giorni, in Italia le aziende più grandi torneranno a licenziare. Il bloc...

Oggi sulla stampa