Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le borse in lieve rialzo

Giornata in lieve progresso per le borse europee, mentre lo spread è in rallentamento. A Milano il Ftse Mib è terminato poco sopra la parità (+0,07% a 20.257 punti). Nel resto del continente Londra ha guadagnato lo 0,54%, Parigi lo 0,30% e Francoforte lo 0,21%. A New York gli indici viaggiavano poco mossi e contrastati, con il Dow Jones a +010% e il Nasdaq -0,06%.

Il differenziale fra Btp e Bund ha chiuso in lieve contrazione a 201, ma nel corso della seduta è sceso sotto quota 200 al minimo di 195.

L’atteggiamento degli investitori resta cauto dopo i guadagni del primo trimestre e in vista delle elezioni francesi.

A Piazza Affari forti vendite su A2A (-2,97% a 1,339 euro). Gli analisti pensano che sia tempo di una pausa dopo i rialzi degli ultimi mesi: Mediobanca Securities e Kepler Cheuvreux hanno abbassato i rispettivi rating da outperform a neutral (prezzo obiettivo 1,49 euro) e da buy a hold (1,4 euro). Male anche Saipem (-2,96%) e Telecom Italia (-2,65%): quest’ultima, a detta di un analista, ha visto qualche presa di profitto dopo la recente performance positiva. Lettera anche su Generali (-1,08% a 14,61 euro): Goldman Sachs ha avviato la copertura con rating sell e obiettivo a 13,8 euro.

Tra i bancari Ubi B. ha perso l’1,20% e Unicredit lo 0,36%, mentre Mediobanca è salita dello 0,18%, Banco Bpm dello 0,22%, Intesa Sanpaolo dello 0,72% e Bper dello 0,75%. In territorio positivo Fca (+0,46%) e Atlantia (+0,83%). In progresso anche Unipol (+1,94%), Prysmian (+1,83%), Moncler (+1,69%) e UnipolSai (+1,47%).

Nel resto del listino in gran spolvero Fincantieri (+8,76%), che ha beneficiato delle indiscrezioni sull’accordo con Dcns per sbloccare l’acquisto di Stx France. Bene anche B.Ifis (+1,34%). Negativa, invece, Piaggio (-2,76% a 1,865 euro): Equita sim (hold, target price 1,85 euro) ha evidenziato che il mercato delle due ruote italiano è stato brillante in marzo, mentre dall’India arrivano segnali poco incoraggianti. Ben comprata Safe Bag (+5,97%). In caduta libera, invece, Gala (-40% a 1,14 euro) dopo che la perdita dei primi due mesi, cumulata a quelle degli esercizi precedenti, ha ridotto il capitale sociale di oltre un terzo.

Nei cambi, l’euro è terminato in calo sotto 1,07 dollari a 1,0657 e a 117,70 yen, ai minimi dell’anno. Anche il biglietto verde ha perso terreno sulla valuta giapponese dopo l’attentato a San Pietroburgo, che ha frenato la propensione al rischio degli investitori.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in progresso, con il Brent intorno a 54 dollari (+90 centesimi) e il Wti sul filo di 51 dollari (+73 cent). In rialzo anche l’oro, che guadagnava 3 dollari a 1.256.

Giacomo Berbenni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa