Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Le bollette si basino sui consumi reali»

ROMA — «Il processo di liberalizzazione dei mercati ha mostrato, durante il governo Monti, rapide accelerazioni ma molto resta ancora da fare». L’Autorità per la concorrenza, guidata da Giovanni Pitruzzella, sprona l’esecutivo a proseguire nel processo di apertura dei mercati. Lo fa nella segnalazione richiesta dallo stesso governo per predisporre anticipatamente la legge annuale per la concorrenza, spingendo per un cambiamento anche delle istituzioni.
L’Autorità chiede di estendere i casi di esercizio del potere sostitutivo dello Stato e delle Regioni in caso di inerzia degli enti locali per vincerne l’atteggiamento ostruzionistico. E, per colpire i ritardi della pubblica amministrazione, propone sanzioni e la detraibilità per cittadini e imprese delle spese sostenute per l’adeguamento a nuove normative che introducono nuovi oneri burocratici.
Sul fronte dei servizi, Pitruzzella si spende per la separazione dell’attività bancaria da quelle postali tradizionali. Mentre, per quanto riguarda le banche popolari quotate, la governance andrebbe rivista perché «il regime legale consente assetti societari che ne limitano la contendibilità senza che sia garantito il rispetto dello spirito mutualistico». Nel campo assicurativo il suggerimento è di «evitare l’abbinamento dei contratti di finanziamento e delle polizze assicurative».
Pitruzzella interviene sul tema dello scorporo della rete Telecom per dire che i tempi sono maturi per «valutare con attenzione la possibilità di procedere».
Aprire alla concorrenza il settore dei trasporti resta un obiettivo per il Garante, ma occorre coniugarlo con l’esigenza di equilibrio economico del gestore del servizio pubblico. Il rimedio potrebbe essere una royalty a carico dei concorrenti privati. Sempre nel campo trasportistico, Pitruzzella auspica che si giunga finalmente alla predisposizione della nuova Autorità. Mentre per garantire maggiore concorrenza nel settore autostradale l’Antitrust propone gare, incrementi tariffari legati agli aumenti di produttività e non all’inflazione e chiari limiti alla durata delle concessioni.
A favore dei consumatori va invece il suggerimento di basare le fatture di gas e luce «sui consumi reali e non su quelli presunti». Ancora insoddisfacente viene giudicata la liberalizzazione del mercato dei carburanti, anche se «sono state adottate negli ultimi anni misure di liberalizzazione che hanno consentito l’ingresso di nuovi operatori».
Nel campo dei farmaci l’Autorità propone la multititolarità delle farmacie per consentire economie di scala e di rete. Per agevolare la diffusione dei farmaci generici o meno cari, si ipotizza a una retribuzione a forfait per la vendita di ciascun medicinale, indipendentemente dal prezzo.
Infine per combattere i cartelli anticoncorrenziali Pitruzzella propone sconti di pena per l’impresa e le persone che abbiano collaborato per far emergere gli accordi sottobanco.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa