Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le banche svizzere vogliono clienti in regola

Il pressing del Fisco tedesco sui contribuenti che hanno conti nelle banche svizzere dà i primi frutti, inducendo queste ultime a “consigliare” ai propri clienti di definire la propria posizione tributaria.
È di queste ore, infatti, la notizia che Credit Suisse e Julius Bär, banca privata della Confederazione elvetica specializzata nelle gestioni patrimoniali individuali, hanno intimato ai cittadini tedeschi di regolarizzare la loro situazione fiscale. Nei prossimi mesi chi non presenterà documenti che dimostrino la fedeltà al Fisco tedesco potrebbe essere addirittura “espulso” dal sistema bancario svizzero.
Il portavoce di Credit Suisse Marc Dosch, ha confermato le anticipazioni riportate dai quotidiani “Tages-Anzeiger” e “Der Bund”: «Consigliamo ai clienti tedeschi di controllare la propria situazione e di regolarizzarla se necessario, altrimenti ci separeremo da loro».
Julius Bär a sua volta ha avvertito i clienti tedeschi che seguirà la stessa pratica. La banca ha spedito diverse lettere già nel mese di febbraio, dopo il fallimento dell’accordo fiscale tre Svizzera e Germania.
La presa di posizione di Credit Suisse fa seguito alle operazioni del fisco tedesco che negli ultimi anni ha disposto perquisizioni a carico dei correntisti tedeschi clienti dell’istituto di credito elvetico. Si tratterebbe di oltre 7mila contribuenti sospettati di aver acquistato e utilizzato, in particolare tra il 2005 e il 2009, alcuni prodotti assicurativi a rischio evasione venduti da Credit Suisse Life, ramo specializzato della banca con sede alle Isole Bermuda. Secondo indiscrezioni trapelate dagli inquirenti e raccolte dal quotidiano economico “Handelsblatt”, le cifre sottratte alle casse pubbliche di Berlino potrebbero essere pari ad alcuni miliardi di euro.
Anche l’altro colosso bancario svizzero Ubs, infine, come riferito dal portavoce Dominique Scheiwiller, «ha già sollecitato da molto tempo i clienti a regolarizzare la propria situazione fiscale se necessario», anche se non sono state imposte scadenze per mettere a posto i conti con il Fisco.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa