Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le banche sono di nuovo «sorvegliate speciali»

Lo studio del grafico a barre mensili dell’Eurostoxx evidenzia un netto rallentamento rispetto al precedente, esteso, trend rialzista. Oltre a seguire l’andamento dell’Eurostoxx, l’investitore potrà mantenere un elevato livello di attenzione nei confronti del settoriale delle banche. Se i prezzi del settoriale dovessero scendere sotto 100 punti diverrebbe probabile l’avvio di una fase ribassista estesa non solo per il settoriale ma per tutto il mercato. Sul fronte opposto, in caso di recupero da parte del settoriale oltre i 127,50 punti, sarebbe lecito tirare un sospiro di sollievo, iniziando a immaginare un futuro più roseo per la Borsa. Ma quali potrebbero essere i titoli sui quali puntare nell’ipotesi che i prezzi si portino sopra area 127,50? La lista include, in ordine di rapporto rendimento pesato per il rischio decrescente, la finlandese Pohjola Bank, la belga Kbc Bank, la spagnola Bbva, l’austriaca Erste Bank e la francese Natixis.
Pohjola Bank ha superato a gennaio i precedenti massimi storici a 12,34. Il mercato si è innervosito recentemente quando la banca ha prospettato un profitto pre tasse per il 2013 più alto di quello di 374 milioni di euro ottenuto nel 2012, ma ha anche avvertito che l’economia finlandese crescerà lentamente e che il contesto operativo rimarrà difficile. Finchè questo sostegno verrà rispettato sarà lecito ipotizzare una semplice pausa dell’uptrend che oltre area 12,80 riprenderebbe con primo target a 14,30. Sotto 11,25 atteso invece il test a 10,25 della linea che sale dai minimi di novembre 2011.
Kbc Bank sta oscillando attorno alla linea di tendenza ribassista disegnata dal top di ottobre 2009, passante in area 29 euro. Se i prezzi troveranno la forza per salire oltre il recente picco di area 31, il titolo potrà puntare al recupero prima dei 36 euro e poi dei massimi del 2009 a 39,94. Solo discese sotto area 26,40 potrebbero porre un freno al proseguimento dell’ascesa, prospettando il test a 24,30 della media mobile a 100 sedute.
La spagnola Bbva ha testato sia a gennaio sia a febbraio una resistenza molto rilevante, quella offerta a 7,80 euro circa dal 38,2% di ritracciamento del ribasso dal top di inizio 2010 a 13,27 euro. La rottura di questo ostacolo, ricavato dalla successione di Fibonacci, darebbe nuova credibilità al rialzo in atto dai minimi di luglio 2012 prospettandone il proseguimento almeno verso la percentuale di ritracciamento successiva, il 50% posto a 8,80 euro circa. A fare temere una inversione di trend in senso ribassista sarebbe invece la violazione a 6,95 circa della media mobile a 100 giorni. Sotto 6,95 probabili discese fino a 5,90 almeno prima di una nuova ripresa.
Erste Bank si è avvicinato con i massimi di gennaio a 26,90 a una resistenza rilevante, la linea ribassista disegnata dai massimi di metà 2007, in transito a 27,66 euro. La rottura di questa trend line fornirebbe un importante segnale di conferma per il trend crescente prospettando il ritorno sul picco del febbraio 2011 a 39,61. Resistenza intermedia a 32,50. Solo la violazione della media mobile a 100 sedute, attualmente a 22,40, metterebbe in discussione la tenuta dell’uptrend, aprendo la strada a cali verso i 20 euro.
Natixis ha messo a segno un robusto balzo il 18 febbraio spingendosi fino a 3,694 e superando quindi la resistenza critica dei 3,07 euro. Con il superamento di 3,07 i prezzi hanno completato l’ampio doppio minimo disegnato a partire dal novembre 2011 in area 1,70. La presenza di questa figura prospetta il proseguimento dell’ascesa verso i massimi del 2010 a 4,90 euro con resistenze intermedie a 3,90 e 4,40 euro. Sarebbero discese sotto 2,86 a negare le prospettive di crescita.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa