Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le banche cinesi in ottima salute

Le semestrali in Cina hanno fatto emergere la realtà positiva delle banche che scoppiano di salute. I cinque maggiori istituti (Icbc, AgBank, Construction Bank, Bank of China, Bank of Communications) hanno messo a segno profitti pari complessivamente a 57 miliardi di dollari (39,5 mld euro).

Una cifra superiore all'insieme dei risultati delle 14 più importanti realtà del credito americane ed europee.

Dall'una e dall'altra parte dell'oceano le cose non vanno, in effetti, così bene. Nella prima parte dell'anno i risultati delle 15 principali banche statunitensi, in termini di attivi, sono scesi del 17%. In Europa, a inizio agosto, è stata annunciata la soppressione di 40 mila posti di lavoro, di cui 30 mila soltanto da parte dell'inglese Hsbc.

Da inizio 2011 le performance degli istituti cinesi in borsa sono stati migliori dei concorrenti occidentali. Pur trattandosi sempre di andamenti in negativo, i primi cinque istituti del paese asiatico hanno ceduto mediamente il 18% rispetto al 28% e al 36% rispettivamente delle banche americane ed europee.

Il numero uno dell'ex Celeste impero, Industrial & Commercial Bank of China, ha riportato nel semestre un utile netto di 17 miliardi di dollari (11,8 mld euro), in crescita del 29,4% su base annua. Resta comunque un capitolo aperto: quello dei debito a rischio concessi alle collettività locali. Per Standard & Poor's il 30% di questi prestiti potrebbe diventare non performante.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa