Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Le aziende eccellenti sono a Milano

Milano, davanti a tutti. Il 13% delle aziende “eccellenti” italiane è qui, ponendo il capoluogo lombardo al vertice della classifica tra tutte le province italiane. È uno dei risultati dell’analisi condotta nell’ambito del Best Performance Award, premio dedicato alle migliori aziende sostenibili, quelle in grado di raggiungere contemporaneamente risultati rilevanti in termini economici, sociali e ambientali. Premio istituito da Sda Bocconi in partnership con JP Morgan, PwC, Thomson Reuters e Gruppo 24Ore, che culminerà con la premiazione dei vincitori prevista il prossimo ottobre. Intanto, i risultati dell’analisi quantitativa offrono già uno spaccato interessante in termini geografici. Su un totale di oltre 504.000 imprese analizzate, le aziende che rispettano i requisiti economici e patrimoniali del premio sono risultate essere 633. Una prima scrematura riguarda il range di fatturato (25-500 milioni), che già restringe il campo a 11.850 realtà. Eliminando poi le società che hanno subito procedure giuridiche negli anni di analisi e quelle con posizione finanziaria netta in rapporto all’Ebitda superiore a tre si scende a quota 4.853.
Tra queste, le realtà con un margine Ebitda superiore alla media del settore sono 1270, valore che si dimezza a quota 633 tenendo conto solo delle società a controllo puramente italiano. Dove si trovano? Nel 78% dei casi al nord, dove si concentrano anche le realtà più robuste in termini dimensionali, con un fatturato medio che sfiora gli 80 milioni di euro, ben oltre i 63 milioni del centro e i 58 milioni delle aziende del Sud. Dimensioni che tuttavia non sembrano l’elemento determinante in termini di redditività, che anzi è leggermente superiore (20,8%) per il campione delle aziende di stazza minore, superando il livello sia delle medie aziende (20%) che delle realtà ancora più grandi (17,7%). «Il che non stupisce – spiega l’assistant professor della Sda Bocconi e project leader Matteo Vizzaccaro – tenendo conto che le realtà di dimensioni maggiori sono ad uno stadio evolutivo più maturo mentre è tra le aziende più piccole che si possono trovano trend di sviluppo interessanti». In termini regionali è la Lombardia a distanziare di gran lunga le altre aree, rappresentando ben il 34% del campione complessivo, valore decisamente superiore rispetto al peso relativo della regione in termini di numerosità di aziende (il 22% del totale Italia per le società di capitali). Seguono, a debita distanza, Veneto (17%) ed Emilia-Romagna (12%). Al risultato lombardo Milano fornisce un contributo determinante, racchiudendo il 13% delle aziende eccellenti del campione (a fronte del 10% delle società di capitali) , una quota più che doppia rispetto alla seconda provincia classificata, cioè Vicenza. Nella top ten, a completare la performance lombarda ci sono poi Brescia e Bergamo (in entrambi i casi arrivando a più che doppiare la quota di pertinenza rispetto al totale Italia) , mentre l’unica area del Sud presente, Napoli, è classificata in nona posizione.
Il percorso di ricerca prosegue attraverso questionari e focus group, che consentiranno di aggiungere ai parametri economico-finanziari anche elementi ambientali (certificazioni, controllo delle emissioni) e sociali (crescita degli occupati, impatto dell’azienda sul territorio di riferimento), in modo da arrivare ad una graduatoria finale che misuri l’eccellenza a 360 gradi.

Luca Orlando

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa