Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Avvocatura guarda al futuro

L’avvocatura riparte dalla formazione continua e dalle specializzazioni. Perché oggi a fare la differenza è la sempre maggiore qualificazione dell’avvocato, che deve dare un contributo decisivo per migliorare l’efficienza del sistema giustizia. Ne è convinto il presidente del Consiglio nazionale forense, Guido Alpa, che ha illustrato a ItaliaOggi le tematiche che saranno affrontate nel corso del VIII Congresso giuridico-forense di aggiornamento professionale, al via oggi a Roma e che si concluderà il 16 marzo.

Al centro, la nuova legge di riforma dell’ordinamento forense, che rappresenta «un’occasione per rilanciare l’Avvocatura e le sue istituzioni».

Domanda. Presidente Alpa, quali saranno i temi del congresso?

Risposta. Il Cnf promuove questa grande iniziativa per la formazione professionale ogni anno. Siamo ormai all’VIII edizione e ogni anno è stato un crescendo. Nei prossimi tre giorni, oltre 2.300 avvocati seguiranno più di 51 sessioni tematiche dedicate a ogni settore del diritto. Dalla riforma del lavoro alle innovazioni in materia di processo civile; dalle proposte per affrontare l’emergenza delle carceri, alla nuova legge anticorruzione e al diritto di difesa nelle nuove democrazie; dal sovra-indebitamento al credito bancario. Il filo conduttore sarà la ricostruzione del quadro dei nuovi diritti e delle nuove garanzie che possono attivare la tutela dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione e anche nelle reciproche questione. L’avvocatura ha sempre sostenuto che la crisi economica, per quanto grave, non possa mortificare i diritti fondamentali.

D. Molte sessioni saranno dedicate alla nuova legge professionale forense. Quali aspetti saranno approfonditi?

R. La deontologia, le specializzazioni, le pari opportunità. La legge forense è la prima legge professionale che ha introdotto il principio della rappresentanza di genere negli organismi elettivi della categoria. E i Consigli dell’Ordine dovranno istituire i comitati pari opportunità.

D. Come sta procedendo l’attività del Cnf nell’attuazione della riforma?

R. Intanto stiamo riordinando le osservazioni che gli Ordini e le Associazioni hanno formulato sulla bozza di regolamento per la istituzione dello Sportello del cittadino, che avrà il compito di informare e orientare il cittadino sul funzionamento del servizio giustizia. Questa è una importantissima attività sussidiaria che l’Avvocatura svolgerà a favore della collettività, con quello spirito di servizio che sempre l’ha contraddistinta. Ora si tratta di mettere a punto il testo definitivo.

D. Riguardo la proposta di nuovi parametri? Come procede la consultazione con Ordini e Associazioni?

R. È una delle priorità. Occorre superare quanto prima il decreto 140/2012, pieno di gravi lacune tanto che il Cnf lo ha impugnato presso il Tar del Lazio. Il termine della consultazione delle componenti dell’Avvocatura scade il 5 aprile e noi lavoreremo in fretta per formulare la proposta al ministro, secondo le previsioni della legge professionale forense, che stabiliscano la consultazione con l’avvocatura secondo una procedura stabilita.

D. Alcune componenti dell’avvocatura chiedono però al ministero della giustizia di adottare prima il decreto correttivo che ha avuto il via libera dal Consiglio di stato. Cosa ne pensa?

R. Un eventuale altro decreto ministeriale adottato con procedura diversa non sarebbe riconducibile all’articolo 13 della legge professionale. Il ministro aveva avanzato una proposta correttiva del 140, ma non conosciamo le sue intenzioni al riguardo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vogliono trasformare Wall Street nella loro foresta di Sherwood. E per mantenere la promessa di rub...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il cloud sovrano dove migrare i dati informatici della Pubblica amministrazione sarà gestito solo ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se fosse ancora necessario, nelle prossime settimane dal palazzo più importante della giustizia it...

Oggi sulla stampa