Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Avvocatura e le inchieste sulla «vecchia» Snia

Per capire l’iniziativa di ieri dell’avvocatura dello Stato nell’ambito della fusione Sorin/Cyberonics – avvocatura che in forza della vetusta legge istitutiva del 1933 cura «la rappresentanza, il patrocinio e l’assistenza in giudizio» di tutte le amministrazioni dello Stato – è necessario fare alcuni passi indietro in quel coacervo di indagini, processi e atti di citazione che ruota attorno alla gestione della vecchia Snia. 
Iniziando dalla fine, quando nel febbraio di tre anni fa Sorin dava notizia di essere stata trascinata – evidentemente suo malgrado – nella causa per risarcimento da danno ambientale avviata dall’amministrazione straordinaria di Snia.
Una citazione a giudizio avanti il Tribunale Civile di Milano che, spiegava Sorin in un comunicato , era stata promossa «da Snia Spa in amministrazione straordinaria ed è intesa ad accertare un’asserita pretesa corresponsabilità di Sorin spa con Snia spa per eventuali debiti connessi e/o conseguenti a oneri di bonifica ambientale derivanti dalle attività chimiche gestite da Snia spa, e da alcune società del gruppo Snia antecedentemente alla scissione intervenuta in data 2 gennaio 2004».
Una questione spinosa. considerato che i tre vecchi siti industriali inquinati lasciati in eredità – quello di Brescia, quello di Torviscosa (Udine) e quello di Colleferro, in Lazio – dopo un tortuoso giro di successioni societarie e giuridiche erano finiti in capo al ministero all’Ambiente per una doverosa bonifica. Un’operazione, questa, dai costi ingentissimi, visto che lo stesso ministero li aveva quantificati in 3,42 miliardi di euro, per i quali chiede dal 2012 copertura a chi ritiene responsabile del misfatto ambientale.
Da qui origina l’asserita posizione di creditore nei confronti di Sorin – in quanto successore nei rapporti giuridici della vecchia Snia – e il tentativo, in quanto creditore appunto , di bloccare la fusione odierna in forza dell’articolo 2503 del codice civile: il rischio cioè di veder evaporare le garanzie sui 3,42 miliardi per la bonifica ambientale.
Se queste sono le premesse per il tentativo di stop alla fusione dei due gruppi biomedicali, non meno decisa è la presa di posizione pubblica di chi si ritiene inspiegabilmente danneggiato dall’iniziativa del governo italiano.
Dopo aver preso atto dei documenti presentati quattro giorni fa dall’Avvocatura dello Stato, Sorin e Cyberonics dichiarano che in quegli atti depositati al tribunale civile del capoluogo lombardo sono state fondamentalmente equivocate e fraintese sia la struttura sia gli scopi dell’operazione di fusione, e che l’iniziativa dell’amministrazione italiana è del tutto priva di motivazioni sostanziali, preannuncio di una vigorosa opposizione in sede processuale. Sede processuale in cui il tribunale diventa arbitro e, a norma del codice civile (articolo 2445), può comunque dar luogo alla fusione ignorando l’opposizione di chi lamenta un possibile danno per sè «quando ritenga infondato il pericolo di pregiudizio per i creditori, oppure quando la società abbia prestato idonea garanzia».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa