Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’avanzata degli stranieri

Si tratterà anche di «scampoli», spezzatini o di asset di taglia non troppo impegnativa dal punto di vista finanziario, soprattutto perché non si intravede in alcun caso rischio Opa all’orizzonte. Appare però chiaro che dall’estero è partita una nuova «campagna d’Italia» sulle assicurazioni. Per i due «lotti» di premi della Milano che Carlo Cimbri di Unipol deve vendere per disposizioni Antitrust dopo aver acquisito Fonsai, si sono fatti avanti da oltre frontiera i big Axa, Allianz, Zurich e Aviva, oltre alla domestica Cattolica. Un drappello che si ripete in fotocopia (con l’aggiunta di Munich Re) o quasi anche per le due compagnie che Carige, su «consiglio» di Bankitalia alla ricerca di maggiore solidità, vorrebbe «piazzare» entro l’estate.
In fila
Se i colossi europei sono in fila (poi bisognerà vedere se si limitano a ritirare il cartellino con il numero per non perdere il posto o se andranno avanti) evidentemente c’è qualcosa che rende appetibile un ritorno d’interesse per il nostro mercato delle polizze. È certo cambiato il quadro di riferimento europeo, il rischio paese pesa di meno anche sui relativi portafogli di titoli sovrani, i prezzi probabilmente «aiutano» a considerare con più favore ciò che è in vendita. Che peraltro non è molto. L’ultima vera «preda», Fonsai, l’ha rilevata Unipol salvandola dal collasso. Per il resto di «pezzi» che possono rendere meritevole lo shopping per uno sbarco significativo o un rafforzamento nel nostro Paese, non pare essercene molti. La Reale mutua è appunto una mutua e in pratica non è sul mercato, la Cattolica è una cooperativa e più o meno vale lo stesso discorso, la Vittoria è controllata dalla famiglia Acutis con il 60% e le voci che di tanto in tanto la indicano in vendita si disperdono in breve tempo.
Attenzioni francesi
L’ultima battuta di caccia in ordine di tempo è stata quella per Fonsai. Groupama, preceduta dal «veloce» Vincent Bolloré, è partita alla conquista della compagnia che dal 2001 era dei Ligresti nell’autunno 2010, passando per la holding Premafin. Non era peraltro la prima volta che i francesi studiavano l’affondo nel nostro mercato: ci hanno provato nel ’91 quando ancora Fondiaria era della Gaic di Camillo De Benedetti e dei Ferruzzi, e si sono «accontentati» della Nuova Tirrena dopo che le Generali si erano aggiudicate l’ambita preda Toro. Con i Ligresti non è andata bene perché la Consob ha imposto l’Opa e Groupama ha fatto marcia indietro.
Ma quando, nel dicembre 2011, sempre per Fonsai gli istituti di credito hanno fatto «scouting» sui principali gruppi assicurativi esteri, non è arrivata sul tavolo alcuna vera offerta. Già allora si era invece parlato di generici interessi per «pezzi» eventualmente messi in vendita o nell’ipotesi spezzatino, o peggio in caso di procedura concorsuale o, ancora, nell’eventualità di un intervento Antitrust. Che c’è stato. E Unipol ha messo in vendita (contestando la decisione dell’authority) premi per 1,7 miliardi, più o meno complessivamente equivalenti a una compagnia collocabile intorno al 14esimo posto nella graduatoria nazionale, ma divisi in due lotti, entrambi comprendenti una quota di premi direttamente della Milano più da un lato la Liguria e dall’altro la Sasa. Asset che, come si è detto, interessano a diversi big internazionali, quasi tutti peraltro già presenti sul mercato italiano anche con quote significative di mercato.
Scelte diverse
Dunque: per tutta Fonsai il deserto, per pezzi della controllata Milano la fila. Non va dimenticato però che quando la compagnia che i Ligresti per anni hanno trattato come un bancomat familiare è stata oggetto di una specie di road show all’estero, a fine 2011, gli operatori internazionali si guardavano bene dall’avvicinarsi al nostro rischio paese: aggiungendo poi lo specifico rischio-Fonsai la miscela diventava esplosiva. Altra cosa è comprarsi oggi quote di premi da un gruppo che deve vendere per non eccedere i limiti Antitrust.
L’altra partita riguarda invece la parte assicurativa che Banca Carige cede con l’obiettivo di recuperare il capitale necessario (800 milioni) secondo i «consigli» di Banca d’Italia. Una vendita che segue tensioni fra gli azionisti e che è vista in alternativa a un aumento deliberato ma non privo di rischi. Anche in questo caso la dismissione è prevedibile in due tranche, non troppo dissimili in termini di raccolta premi fra Danni e Vita (in tutto le due compagnie registrano una raccolta pari a circa 1,3 miliardi).
Come si concluderà la «campagna d’Italia»? Oggi è impossibile fare pronostici anche perché in gara ci sono davvero big europei. Che almeno nel breve periodo non hanno altri mezzi per entrare o diventare più forti nel nostro mercato facendo shopping.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa