Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’appello salta le festività

di Debora Alberici 

Se il termine per depositare la sentenza cade in un giorno festivo quello per impugnare decorre dal giorno successivo. Lo hanno stabilito le sezioni unite penali della Corte di cassazione che, con la sentenza numero 155 del 10 gennaio 2012, hanno dichiarato ammissibile e tempestivo il ricorso di un imputato che aveva impugnato la sentenza della Corte d'appello di Roma calcolando la decorrenza del termine dal lunedì invece che dalla domenica, giorno in cui spirava il termine per il deposito della sentenza.

Insomma il massimo consesso di Piazza Cavour ha sciolto il contrasto di giurisprudenza interpretando in modo estensivo l'articolo 172 del codice di procedura penale. Insomma, ad avviso del collegio di legittimità, «la regola per cui il termine stabilito a giorni, il quale scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno successivo non festivo, posta nello specifico dall'art. 172, comma 3, cod. proc. pen., si applica anche agli atti e ai provvedimenti del giudice, e si riferisce perciò anche al termine per la redazione della sentenza». Non basta. «Nei casi in cui, come nell'art. 585, comma 2, lett. c), cod. proc. pen., è previsto che il termine assegnato per il compimento di una attività processuale decorra dalla scadenza del termine assegnato per altra attività processuale, la proroga di diritto del giorno festivo in cui il precedente termine venga a cadere al primo giorno successivo non festivo, determina lo spostamento altresì della decorrenza del termine successivo con esso coincidente». E infine, «tale situazione non si verifica ove ricorrano cause di sospensione quale quella prevista per il periodo feriale che, diversamente operando per i due termine, comportino una discontinuità in base al calendario comune tra il giorno in cui il primo termine scade e il giorno da cui deve invece calcolarsi l'inizio dei secondo».

Il caso riguarda un sessantenne di Roma accusato di truffa aggravata e tentata estorsione. Per questo il tribunale, con decisione confermata dalla Corte d'appello, aveva condannato l'imputato a quattro anni di reclusione e 1.500 euro di multa. L'uomo ha impugnato la decisione in Cassazione calcolando la decorrenza del termine a partire dal giorno successivo a quello in cui cadeva l'ultimo giorno utile per depositare la sentenza (un lunedì). La questione è approdata sul tavolo delle sezioni unite che, dopo aver composto il contrasto di giurisprudenza, hanno dichiarato ammissibile il gravame.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa