Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Antitrust a perimetro limitato

Un freno all’Antitrust. In materia di Tlc, la competenza alla tutela dei consumatori è dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) mentre sul credito al consumo essa spetta alla Banca d’Italia. I principi sono stati fissati dall’Adunanza plenaria del Consiglio di stato svoltasi lo scorso 20 febbraio 2012, la quale ha stabilito che la normativa settoriale sulle telecomunicazioni rappresenta un complesso normativo completo e puntuale che oltre a garantire la concorrenza nel settore, mira esplicitamente alla tutela dei consumatori dei servizi di Tlc. Pertanto in tale settore è l’Agcom l’autorità preposta alla tutela dei consumatori, con conseguente esclusione della competenza dell’Antitrust. In forza di tale decisione sono stati annullati cinque provvedimenti assunti da questa assunti in materia di pratiche commerciali scorrette nel settore Tlc. Cambia dunque radicalmente il quadro di riferimento della tutela in Italia dei consumatori nei servizi telefonici e di accesso ad internet. I principi fissati dall’Adunanza plenaria, le cui motivazioni sono state depositate l’11 maggio scorso, dovranno in futuro essere rispettati da tutti i giudici amministrativi che saranno chiamati a pronunciarsi sulle medesime questioni.

La Sesta sezione del Cds, quella che normalmente si pronuncia, in sede di appello, sulla legittimità dei provvedimenti dell’Antitrust, era stata chiamata a decidere se, allorché vengano in rilievo condotte scorrette nei confronti dei consumatori in settori regolamentati (nei casi in esame Tlc e credito) debba trovare applicazione il Codice del consumo ovvero la normativa settoriale, con competenza rispettivamente dell’Antitrust o dell’autorità di settore, nei casi in esame Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e Banca d’Italia. La Sesta sezione ha quindi rimesso la questione all’Adunanza plenaria. La soluzione indicata dall’Adunanza plenaria in materia di servizi di credito è stata apparentemente diversa, perché i supremi giudici hanno ritenuto che il provvedimento dell’Autorità relativo al settore del credito non fosse viziato da incompetenza. Secondo i giudici, infatti, il Testo unico bancario vigente all’epoca dell’intervento dell’Antitrust non poteva considerarsi un complesso normativo completo ed esaustivo a presidio, non solo della stabilità e della prudente gestione degli istituti di credito, ma anche a tutela del consumatore. Tuttavia, il Collegio ha incidentalmente rilevato che, ad esito delle modifiche apportate al Tub dal dlgs 141/2010 (di recepimento della direttiva Ue sul credito al consumo), il Tub è divenuto una «disciplina tendenzialmente esaustiva», pare di capire con conseguente futura esclusione di applicazioni concorrenti del Codice del consumo. Anche il settore del credito dunque, come già quello dei servizi finanziari a seguito del Parere della Sezione consultiva del Cds (n. 3999/2008) e delle Tlc con le sentenze sopra menzionate, potrebbe divenire immune da interventi dell’Antitrust.

Determinante ai fini del diverso esito delle due vicende è stato il differente approccio seguito dalle due rispettive autorità di settore. L’Agcom aveva, infatti, rivendicato energicamente la propria competenza in materia, costituendosi anche in giudizio con un avvocato del libero foro contro l’Autorità. Inoltre aveva assunto propri provvedimenti sulle medesime fattispecie su cui si era pronunciata l’Antitrust e che erano all’esame del Cds. La Banca d’Italia invece, è rimasta sostanzialmente estranea alla questione e non era autonomamente intervenuta sulle medesime fattispecie. «Si tratta di decisioni che potremmo senza esagerazione definire storiche perché delimitano una volta per tutte i confini tra gli interventi delle diverse autorità, dando un contributo fondamentale ai principi di certezza del diritto e di proporzionalità. In particolare, vengono sottratte all’area di intervento dell’Antitrust proprio alcuni dei settori in cui essa aveva assunto il maggior numero dei propri provvedimenti sanzionatori», spiega a ItaliaOggi Piero Fattori, partner di GOGC&P che, insieme a Antonello Lirosi e Alessandro Costantino, ha assistito gli operatori di Tlc e finanziari in alcune delle cause decise. «Restano ancora aperti almeno due ulteriori fronti in cui, c’è da attendersi, gli operatori continueranno a dare battaglia per vedere riconosciuta la specificità del proprio settore e la conseguente inapplicabilità della disciplina generale sulle pratiche commerciali scorrette: si tratta dei settori dell’energia e delle assicurazioni, alla cui vigilanza sono rispettivamente preposte l’Autorità per l’energia e l’Isvap».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa