Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’anatema al legale è minaccia

Lanciare anatemi al condizionale contro l’avvocato della controparte è considerata una minaccia. La Cassazione, nella sentenza 23592/2018, ha esaminato un ricorso su frasi ingiuriose scagliate contro il legale della parte avversaria. Una donna in aula aveva accusato l’avvocatessa con diversi insulti, minacciando di chiamare i carabinieri con tuoni e fulmini, concludendo con un oscuro «Vedrai!» per «spaventare il legale urlando e gesticolando con le mani», tale da provocare «la verificazione di un effettivo turbamento psichico del predetto legale» minacciando di ridurre la sua vita «a una sciacalla». Da qui i motivi di ricorso, che sono stati rigettati dai tribunali di Brindisi, che però sono stati esibiti presso i giudici del Palazzaccio. Ma i porporati hanno ribaltato il quadro accusatorio accogliendo i motivi di doglianza. Questo perché «la minaccia, espressa con le parole “… vedrai …”, non può ritenersi condizionata ad alcunché se non alla volontà stessa del soggetto che le ha pronunciate. L’assenza di una condizione non sminuisce certamente la valenza intimidatoria», spiegano i giudici, «che non è stata esaminata compiutamente dal giudice, in riferimento alla contestazione, contenuta nel capo di imputazione indicativa, per un verso, di ulteriori affermazioni», bacchettando in sordina i giudici di primo e secondo grado sulla «motivazione del Tribunale che non ha dato contezza esauriente alle doglianze, mosse dalle appellanti, circa la riconducibilità del delitto di minaccia al comportamento aggressivo». A questo si aggiunge «l’indeterminatezza del male ingiusto prospettato», in cui i giudici «non tengono conto, per un verso, del tenore complessivo delle frasi, sopra riportate, coincidente, per l’appunto, con una prospettazione della riduzione della vita a «una sciacalla, con un evidente significato implicito, ricollegabile a un male ingiusto, oltre a non prendere in considerazione i singoli costituii testimoniali anzidetti, indicativi della situazione nel suo insieme».

Francesco Barresi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa