Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lagarde: Pil, la crescita acceleraMa i tassi possono scendere ancora

In un momento in cui l’inflazione torna a sorpresa ad agitare investitori e consumatori, riportando d’attualità fantasmi del passato, soprattutto in Germania, dove la Bundesbank prevede un aumento fino al 4% a fine anno, mentre negli Usa l’indice dei prezzi è salito al 5% a maggio, spingendo la Federal Reserve ad anticipare di un anno, al 2023, la decisione di tornare ad aumentare il costo del denaro, la presidente della Bce, Christine Lagarde, si preoccupa soprattutto di rassicurare. Durante l’audizione (virtuale) davanti al Comitato sugli Affari economici e monetari del Parlamento europeo, Lagarde ripete tre messaggi chiave. Primo: la ripresa nella zona euro accelera e si rafforzerà. Secondo: il rialzo dei prezzi osservato di recente è reale e si rafforzerà in autunno, ma è un fenomeno atteso e sarà soltanto temporaneo. Terzo: la Banca centrale europea continuerà a portare avanti una politica monetaria ultra accomodante, perché «una stretta dei tassi adesso sarebbe prematura e creerebbe dei rischi sia per la ripresa che per le prospettive di inflazione».

La spinta all’attività economica da questo trimestre arriverà grazie anche a «un vigoroso rimbalzo dell’attività dei servizi in particolare», colpita più duramente dalla pandemia», spiega l’avvocata francese. Le stime di Francoforte ora indicano una crescita del 4,6% in media per l’area euro quest’anno e del 4,7% l’anno prossimo. Quanto ai prezzi, l’inflazione annuale dell’area dell’euro è salita «in gran parte per fattori temporanei, tra cui un forte aumento dei prezzi dell’energia». Per Lagarde «dovrebbe aumentare ulteriormente verso l’autunno», prima di «diminuire all’inizio del prossimo anno. C’è il rischio che una parte di inflazione arrivi in Europa dagli Stati Uniti (spillover), ad esempio per un aumento della domanda di beni e servizi europei. Ma, avverte Lagarde, «le ricadute internazionali dell’inflazione Usa possono essere amplificate se i cittadini dell’area dell’euro modellano le loro aspettative di inflazione anche sulla base degli sviluppi negli Stati Uniti». Nel complesso, però, «gli effetti dovrebbero essere moderati». E se la Bce ha rialzato le stime per quest’anno ( +1,9%) e per il prossimo (+1,5%), la previsione resta invariata all’1,4% nel 2023, lontano dal target Bce, vicino ma sotto il 2%. Perciò Lagarde non solo conferma le misure di politica monetaria, che dal marzo 2020 contribuiranno cumulativamente all’1,2% dell’inflazione e all’1,8% del Pil, ma assicura che la Bce ha «ancora spazio per abbassare i tassi», se necessario.

La presa d’atto

Ci sono motivi per aggiornare il Patto di stabilità e crescita tra i Paesi dell’Unione

Nel corso dell’audizione Lagarde ha risposto alle domande degli europarlamentari. «Un euro digitale potrebbe avere un impatto negativo sulla stabilità finanziaria», ad esempio «con grossi trasferimenti di denaro privato all’euro digitale e per questo deve essere progettato con molta attenzione», ha ammonito, sottolineando anche che dovrà essere «sotto il controllo della Bce». L’Istituto centrale ne discuterà il prossimo 14 luglio. Sui Pnrr ha sollecitato gli Stati a «realizzarli, è una cosa di primaria importanza», perché «se dovessero fallire ci potrebbero essere effetti anche sul sostegno dei mercati» al piano. Infine «ci sono motivi per aggiornare il Patto di stabilità e di crescita», ha detto la presidente della Bce, senza entrare nel merito. Aggiungendo che il sostegno delle politiche di bilancio, così come il sostegno della politica monetaria, «servirà ancora» e «un irrigidimento fiscale sarebbe prematuro».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa