Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’addio di May per salvare la Brexit. «Votate l’accordo e lascio l’incarico»

Il sacrificio supremo: se stessa, la sua carriera, la sua premiership. Theresa May alla fine ha messo la testa sul ceppo: e ha offerto le proprie dimissioni dalla guida del governo in cambio dell’appoggio del Parlamento al suo accordo sulla Brexit, che lei stessa aveva negoziato con la Ue ma che i deputati avevano già bocciato due volte.

La svolta è avvenuta ieri pomeriggio, durante una drammatica riunione a Westminster in cui la premier ha affrontato il gruppo parlamentare del suo stesso partito conservatore: nelle cui fila, ricordiamolo, si affollavano i «ribelli» che avevano affossato l’accordo con Bruxelles.

«Ho ascoltato molto chiaramente l’umore del gruppo parlamentare — ha detto la May in una sala stipata all’inverosimile, mentre fuori i giornalisti si accalcavano nel corridoio —. So che c’è il desiderio di un nuovo approccio, e una nuova leadership, nella seconda fase dei negoziati sulla Brexit: e io non mi metterò di traverso. Ma prima dobbiamo far passare l’accordo e portare a compimento la Brexit. Sono pronta a lasciare il mio posto prima di quanto intendessi, in modo da fare ciò che è giusto per il nostro Paese e il nostro partito. Chiedo a tutti in questa stanza di appoggiare l’accordo, così che possiamo compiere il nostro dovere storico: dar corso alla decisione del popolo britannico e lasciare l’Unione Europea in maniera ordinata».

Quella di Theresa May è stata la presa d’atto dell’inevitabile. La sua autorità era ormai ridotta quasi a zero: una buona fetta del partito le aveva votato contro due volte, gli stessi ministri le si ribellavano apertamente e il governo era soggetto a uno stillicidio di dimissioni. In tempi normali, in simili circostanze, un primo ministro si sarebbe già da tempo fatto da parte: ma lei andava avanti caparbia, convinta di dover portare a termine un compito assegnatole, cioè assicurare una Brexit che non fosse un disastro per la Gran Bretagna.

Ma alla fine si è resa conto che l’ostacolo era diventata lei stessa. Da giorni si rincorrevano voci di complotti per destituirla, mentre le prospettive di far approvare il suo accordo in Parlamento restavano assai ridotte. E in mancanza di un’intesa, il rischio era quello del no deal il 12 aprile, ossia una Brexit catastrofica, oppure un rinvio a data da destinarsi, col rischio di veder sfuggire di mano l’uscita dalla Ue.

Dunque la May ha proposto il baratto: io mi tolgo di mezzo e voi date via libera all’accordo. Ma basterà? Non è detto. È vero che i capofila degli euroscettici, incluso Boris Johnson, hanno fatto capire che potrebbero dare il loro assenso, ma resta da vedere si ci saranno i numeri sufficienti in aula. Il governo potrebbe mettere ai voti l’accordo già domani, anche se prima dovrà superare le obiezioni procedurali dello speaker dei Comuni, John Bercow, che ha trovato da ridire sul fatto che lo stesso testo venga riproposto uguale per be tre volte.

Se alla fine la May vincerà la sua scommessa, la Gran Bretagna uscirà dalla Ue in maniera relativamente indolore il 22 maggio. E la premier andrà ad allungare la lista dei capi di governo conservatori caduti vittime delle divisioni del loro partito sull’Europa: da Margaret Thatcher a John Major a David Cameron. Perché a quel punto si aprirà la procedura per la successione e verosimilmente la May si dimetterà tra la fine di giugno e l’inizio di luglio: per cui al principio dell’estate avremmo un nuovo primo ministro britannico in carica. Chi sarà? Il favorito resta Boris Johnson, anche se molti ostacoli gli si frappongono.

Ma se l’accordo voluto dalla May alla fine non passasse, tutti gli scenari sono aperti. Ed è anche per questo che ieri sera il Parlamento ha votato per individuare un piano B: all’esame c’erano diverse ipotesi, da una soft Brexit, ossia una uscita morbida, a un secondo referendum, fino al no deal o, all’opposto, alla revoca della Brexit tout court. Ma queste strade sono state tutte bocciate: il che vuol dire che non esiste una Brexit alternativa rispetto al piano di Theresa May .

Luigi Ippolito

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa