Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’accordo con la Svizzera agevola la «voluntary»

Il protocollo di modifica della convenzione sulla doppia imposizione firmato ieri tra Italia e Svizzera pone le condizioni per la fine del segreto bancario fra i due paesi e permette alla Svizzera di uscire dalla black-list, consentendo ai ai contribuenti italiani che intendono avvalersi della voluntary disclosure di beneficiare di condizioni migliori in termini di anni da sanare e di oneri da sostenere. E dunque dà certezza su sanzioni e termini e i casi semplici di attivi svizzeri, come la detenzione di immobili, possono finalmente essere regolarizzati senza incertezze.
Eccettuati i casi dove sussiste il rischio di raddoppio dei termini in presenza di violazioni che in astratto possono portare a una denuncia penale (per i quali è auspicabile che l’agenzia delle Entrate dica che non c’è automatismo nel raddoppio e che gli anni oggetto della procedura sono in prima battuta comunque quelli ordinari), il costo effettivo della procedura diventa finalmente stimabile. Emblematico, appunto, il caso degli immobili, che come ogni altro bene patrimoniale (opere d’arte, gioielli, terreni, yachts, eccetera) possono da subito formare oggetto di rimpatrio giuridico. Infatti, mentre per le attività finanziarie la necessità di ricostruire la storia del patrimonio può comportare ritardi nella raccolta documentale e dunque nella predisposizione dell’istanza per l’adesione alla voluntary, nel caso di detenzione di immobili spesso basta l’atto di acquisto ed eventualmente le contabili di accredito dei canoni di locazione, salvo che l’immobile non sia stato acquistato in epoca recente, nel qual caso si dovrà documentare anche la provenienza delle somme utilizzate per l’acquisto stesso e anche il costo, in termini generali non elevato, potrà salire.
Gli immobili
Per gli immobili svizzeri, dopo l’accordo, si pagano le sanzioni ridotte per le violazioni RW pari allo 0,5% annuo sul valore degli immobili stessi, tipicamente rappresentato dal costo di acquisto (se non è possibile documentarlo, potrebbe essere consigliabile una perizia di stima) a partire – data per scontata l’approvazione dell’emendamento Sanga – dal periodo 2009 (e sino al 2013). Nei casi in cui siano più soggetti ad avere la disponibilità dell’immobile, si applica, ai soli fini della disclosure, la presunzione di legge per la quale la disponibilità delle attività patrimoniali si considera ripartita in quote uguali. Il che significa che ognuno paga solo il suo 0,5% sulla quota di possesso.
Laddove poi tali immobili producano redditi da locazione, la regolarizzazione deve interessare anche questi ultimi, in questo caso per i periodi dal 2010 al 2013 (salvo i casi di omessa presentazione della dichiarazione, nel qual caso si parte dal 2009). Si dovranno quindi determinare le imposte, da applicare in misura piena (salvo l’abbattimento forfettario del 15 per cento).
Le sanzioni 

Quanto alle sanzioni su tali violazioni reddituali, trattandosi di redditi prodotti all’estero si applica l’aumento di un terzo, ma per effetto della disclosure il minimo edittale viene ridotto del 25% e poi ulteriormente a 1/6 se si decide di aderire in toto alle richieste erariali (in sostanza le sanzioni saranno pari al 16,6% delle imposte). Inoltre dal 2012 si applica anche l’Ivie (imposta sul valore degli immobili all’estero) in misura dello 0,76 per cento. Occorrerà quindi anche sanare il mancato pagamento di tale tributo (con sanzioni al 30% per l’omesso versamento, salvo l’accesso all’istituto del ravvedimento, visto che l’Ivie è esclusa dalla disclosure e salvo il credito per imposte estere).
Attenzione però che, salvo i casi di interposizione (ove si regolarizza comunque sempre l’asset sottostante), laddove l’immobile sia detenuto da un veicolo societario, oggetto della regolarizzazione dovrà essere la società (con la conseguenza peraltro che si applicherà l’Ivafe, imposta sul valore delle attività finanziarie estere, e non l’Ivie).
La documentazione
Per regolarizzare gli immobili occorrerà reperire l’atto di acquisto del bene e, in caso di locazione, gli estratti conto dove viene percepito l’affitto. Inoltre in caso di acquisti recenti (ovvero in annualità ancora accertabili) occorrerà munirsi della prova contraria che le disponibilità utilizzate per l’acquisto non provengano da evasione fiscale, alternativamente il conto (che per gli immobili è in linea di massima conveniente e, come detto, facilmente pre-determinabile) diventa più elevato in quanto si pagano imposte con le aliquote progressive calcolate su tali disponibilità.
Gli immobili ereditati
Il caso poi degli immobili ereditati potrebbe essere ancor più conveniente, posto che le sanzioni (non le imposte, che invece si pagano tutte) sono intrasmissibili agli eredi e ovviamente è agevole dimostrare la provenienza da successione. Occorrerà tuttavia, nei casi di superamento della franchigia e di tributo ancora accertabile (per la successione sono 2 ovvero 5 anni nel caso non sia stata presentata alcuna dichiarazione di successione), corrispondere anche l’imposta di successione. Stessa convenienza potrebbe essere riscontrata per i contribuenti detentori di un immobile all’estero residenti fiscali in Italia solamente da pochi anni, in quanto questi ultimi pagano solo dal momento del loro trasferimento in Italia.
Conti deposito
Oltre a tali casi, anche i titolari di conti deposito c.d. pocket (sotto i due milioni) che accedano al metodo forfetario possono partire subito. Infatti l’accordo rende i conti certi su termini e sanzioni e l’accesso alla procedura semplificata fa andare più spediti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa