Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Ue frena sul piano Mps “Ancora aspetti da chiarire” Profumo: pronti a modifiche

Molto lavoro è stato fatto, ma ancora non basta e per ora il disco verde da parte di Bruxelles al piano del Monte Paschi per accedere ai Monti bond non arriva. E prima di concludere definitivamente un accordo politico già raggiunto a inizio settembre ci vorrà ancora qualche passaggio. «Sull’accordo Almunia- Saccomanni su Mps si sono fatti molti progressi ma ci sono ancora aspetti da chiarire», haspiegato il portavoce del commissario alla Concorrenza Joaquin Almunia, rispondendo a chi gli chiedeva il perché del rinvio rispetto ad un calendario prospettato dalla banca, secondo cui il cda dell’altroieri (il 24 settembre) avrebbe dovuto licenziare il nuovo piano e poi inviarlo al ministero dell’Economia e dunque a Bruxelles. «Le discussioni con le autorità italiane per finalizzare i termini dell’accordo sono ancora in corso», ha precisato il portavoce di Almunia, aggiungendo che il lavoro è teso a«formalizzare l’accordo del 7 settembre » tra il commissario Ue e il ministro Fabrizio Saccomanni.
Di più, sui contorni delle discussioni e sull’ambito dei tasselli che ancora mancano, non è stato detto. L’ambito dei ragionamenti, tuttavia, non deve essere meramente formale. Il presidente del Monte Paschi, Alessandro Profumo, dopo un’audizione alla Camera ha ribadito la disponibilità della banca a rivedere i passaggi che si rendessero necessari per il via libera. «Siamo a disposizione di ministero eCommissione per apportare tutte le modifiche necessarie, nell’interesse di tutti noi e del Paese, per arrivare alla definizione di questo processo», ha spiegato il manager. E ancora: «Riteniamo che abbiamo fatto tutto ciò che era necessario e opportuno, ma laddove ci fossero richiesti ulteriori elementi, li affronteremo con il medesimo spirito». Per quanto riguarda le remunerazioni dei manager, Profumo ha affermato invece che «non c’è nessuna eccezione da sollevare, come Mps». Invece sulla data delprossimo cda della banca, per l’approvazione definitiva del piano, Profumo ha dovuto concludere: «Non dipende da noi».
Ieri il viceministro dell’Economia Stefano Fassina ha sottolineato che «è interesse dell’Italia e dell’Europa che Mps possa completare il piano nei tempi previsti» comuqnue, ha aggiunto, «c’è un dialogo proficuo» con Bruxelles. In movimento anche il mondo politico senese. «Abbiamo chiesto un incontro urgente al governo, perché la banca è una questione di interesse nazionale », ha detto il sindaco di Siena, Bruno Valentini, spiegando di aver inviato una lettera congiunta con il presidente della Provincia e della Regione Toscana. Il sindaco ha anche detto che l’aumento di capitale del Monte «va rinviato il più lontano possibile», in quanto «impedisce la liberazione dai debiti» della Fondazione Mps e poi ha aggiunto: «Finora il lavoro fatto dai manager non l’ho visto».
Oggi intanto si apre il processo, con rito abbreviato, sul derivato Alexandria. Sul banco degliimputati Giuseppe Mussari, ex presidente della banca (che secondo le attese non dovrebbe essere presente in tribunale), di Antonio Vigni (ex direttore generale) e di Gianluca Baldassarri, ex capo dell’area finanza. I manager devono rispondere dell’accusa di ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza. Secondo l’accusa nell’ambito della ristrutturazione del derivato, il contratto di “mandate agreement” sarebbe stato occultato a Bankitalia.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa