Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Ue boccia Mediaset, guerra di cifre

di Luigi Offeddu  

BRUXELLES — Prima i giudici italiani, poi quelli europei. Prima, 564,2 milioni di euro da versare alla Cir di Carlo De Benedetti. E ora, altri milioni — la cifra precisa non è ancora fissata — da restituire allo Stato italiano. Per le aziende di Silvio Berlusconi, decisamente non è un periodo propizio. Ma il premier ci scherza sopra: «Ormai sono povero» ha detto ieri ai funzionari del Quirinale, a margine della cerimonia di giuramento dei nuovi ministri. Nella vicenda Cir, era toccato alla Fininvest pagare. Questa volta, tocca invece a Mediaset: respingendo un suo ricorso in appello, la Corte di giustizia dell’Unione Europea ha confermato che i contributi destinati dallo Stato italiano, nel 2004-2005, all’acquisto di decoder Tv per il digitale terrestre, erano aiuti di Stato incompatibili con il mercato comune europeo, perché favorivano un’azienda (Mediaset, appunto, già impegnata nel digitale terrestre) e ne danneggiavano altre, quelle schierate nel fronte delle tv satellitari. Chi comprava solo il decoder satellitare, non usufruiva infatti del contributo statale (150 euro, poi ridotti a 70): chi sceglieva anche il digitale, invece sì. Quei soldi dovranno essere dunque recuperati, come già stabilito a suo tempo dalla Commissione europea. E dovranno essere rifusi gli «ingiusti vantaggi» . In due parole: i contributi decisi allora dal governo Berlusconi, a favore — secondo la Ue — di un’azienda di Berlusconi, dovranno essere restituiti al governo Berlusconi di oggi. Che dovrà anche stabilire la precisa misura. La somma finale non è ancora ben chiara: si sa che il totale dei contributi ammontava a 220 milioni su due anni, e che la Commissione europea ha già fornito una griglia di massima per calcolare l’entità della porzione da restituire; ora spetta però al governo o— nel caso— a un giudice italiano, e non più alla Ue, scendere nei dettagli e fissare le cifre definitive. Mediaset, intanto, sostiene di aver già pagato: 6,1 milioni di euro, somma versata «interamente da Mediaset allo Stato italiano nel febbraio 2010. E non è previsto alcun altro importo a nostro carico» . La sentenza di oggi, commenta il capogruppo del Pd all’Europarlamento David Sassoli, «dimostra come il conflitto di interessi di Berlusconi abbia causato all’Italia anni di malgoverno e di sprechi economici» . Ma la giornata ha portato anche altre notizie— buone e cattive — per Mediaset: da un lato, la società ha acquistato la Digital Multimedia Technologies (Dmt), costituendo così il colosso italiano delle torri di trasmissione televisiva, radiofonica e telefonica. E dall’altro, bilanci alla mano, ha comunicato di attendere per l’intero 2011 un risultato inferiore al 2010. L’utile del primo semestre dell’anno è in calo, a 164,4 milioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa