Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«La tv anche su Internet superveloce Sky con Telecom arriverà via cavo»

Intesa firmata tra l’amministratore delegato di Telecom italia, Marco Patuano, e Sky Italia guidata da Andrea Zappia (foto ) per portare dal 2015 tutti i contenuti multicanali della tv di Murdoch nelle case degli italiani anche via Internet veloce (almeno 30 megabit al secondo). Nella sostanza l’offerta di Sky sarà disponibile su due piattaforme: satellite e web. L’accordo strategico permetterà a Sky di raggiungere tutte quelle case dove la parabola per una serie di ragioni non poteva arrivare ma rafforzerà anche l’offerta commerciale di ultrabroadband di Telecom che potrà contare sul servizio di Sky. Come ha spiegato Patuano «uno dei principali driver del nostro business è rappresentato dallo sviluppo dei servizi innovativi, in particolare nell’entertainment per il mercato consumer».
«È un accordo strategico della durata di 5 anni per portare per la prima volta l’offerta di Sky, così com’è oggi, anche su rete Internet super-broadband». Andrea Zappia, 50 anni, amministratore delegato di Sky Italia, sta portando la media company in Italia di Rupert Murdoch verso il completamento dell’occupazione dei canali di trasmissione: dopo il satellite, l’offerta free di Cielo e il digitale terrestre (con le chiavette), l’accordo appena siglato con Telecom Italia permetterà dal 2015 di avere la pay tv via Internet. Non è la prima mossa del gruppo in questa direzione: MySky e soprattutto il recente lancio di SkyOnline utilizzavano già la rete. Ma ora il dado è tratto e crollano le pareti tra due mondi che sembravano dovere essere nemici.
Sky su Internet sembra un cambio di identità forte. Un punto di non ritorno. Qual è l’obiettivo dell’intesa?
«Per noi fa parte di una strategia più ampia: per quasi 11 anni abbiamo operato attraverso il satellite che rimane la forma di distribuzione del segnale televisivo più efficiente per fare offerte multicanali in alta definizione. Ma non è l’unica. Già oggi siamo una piattaforma ibrida: siamo online, su satellite e sul digitale terrestre. Ma per molte case in Italia ci sono problemi di accesso».
La trasmissione televisiva ha una sua sacralità per l’utente. La telefonata può saltare. Ma se saltasse il segnale durante un goal decisivo sarebbe un disastro. Vuole dire che vi attendete una qualità pari a quella che potete fornire con il satellite anche sul Web?
«La nostra strategia è uscire dal recinto del satellite che, pur essendo straordinario, per sua natura, soprattutto in un paese con alta intensità abitativa, è limitato potenzialmente. Anzi l’offerta su Internet avrà qualche opportunità in più sull’on demand. Fino ad oggi on è mai esistita un’offerta simile perché avevamo bisogno di una rete veloce e protetta. Ma ora il lavoro di Telecom Italia ci permetterà di garantirla».
Non temete che il web possa cannibalizzare la parabola costringendovi magari a sostenere il costo dell’affitto del satellite per pochi?
«Noi non siamo un’azienda satellitare: siamo una media company capace di produrre e aggregare i contenuti tv che i nostri clienti vogliono. I l satellite rimane ad oggi molto efficace. In tante parti d’Italia Internet veloce non arriverà. Il satellite non morirà mai e oggi non c’è nessun motivo per chi ha Sky di cambiare tipo di abbonamento. Anche se il 100% della crescita futura arrivasse via cavo noi non avremmo problemi. Il punto importante è che Sky, da ora in avanti, ha l’obiettivo di raggiungere le famiglie con tutti i modi rilevanti. In questo recinto ci hanno un po’ chiuso le autorità e i governi con la retorica del monopolista del satellite: come se la trasmissione satellitare fosse un mercato. Ora abbiamo annunciato un’offerta Over the top come Sky online e l’accordo con Telecom con il quale pensiamo di poter accedere quanto meno a un milione e mezzo di case che oggi non possono avere la parabola».
Sono numeri che avete già stimato con precisione?
«Prenda una città come Siena o Venezia e tutta una serie di palazzi storici nei centri delle città italiane che hanno delle limitazioni soprattutto per chi come noi vuole portare più di un cavo. Sappiamo che sono almeno 1,5 milioni di famiglie. Quindi il ragionamento che abbiamo fatto è: sia che si arrivi dall’alto con il satellite o dal basso con la fibra per noi non cambia nulla. A patto che sia un’esperienza comparabile con quella che abbiamo nel satellite. La realtà è che serve una porzione di banda riservata per poterlo fare. Già molte case possono fare streaming di buona qualità. Il problema è il multicanale e il multicast con tanti utenti – pensiamo al calcio – che guardano la stessa cosa».
Perché solo con Telecom? Non avrebbe avuto senso fare l’accordo con tutti gli operatori?
«L’accordo non è esclusivo. Però Telecom ha mostrato una grande determinazione nella spinta di un prodotto di questo genere e, inoltre, ha una capacità dal punto di vista commerciale molto elevata. Riteniamo che attraverso una partnership con loro ci possa essere una maggiore opportunità di entrare in case dove oggi non siamo».
Il modello di business non cambia? Resterete legati agi abbonamenti?
«Sì, ma non solo. Il 92% del nostro fatturato arriva dagli abbonamenti. Ma, per esempio, Sky online nasce senza abbonamento. Noi crediamo che chi vada online difficilmente cerchi un contenuto di archivio. Più probabilmente è chi si scarica il «Trono di spade» illegalmente. Allora glielo diamo contemporaneamente all’uscita negli Usa, o quasi, nella speranza che preferisca farlo legalmente. Per questo abbiamo meno titoli di Netflix o Infinity».
L’eventuale arrivo in Italia di Netflix, rumor in circolazione, non cambierà il vostro posizionamento?
«Credo che difficilmente un operatore come Netflix entrerà in Italia perché la loro posizione è forte dove non esiste un’offerta gratuita così significativa. Negli Usa l’abbonamento basic per la tv non è lontano dai 70 dollari. Allora l’arrivo di un’offerta a 9,99 dollari cambia il panorama. Ma di fronte a 90 canali gratuiti faccio fatica a distinguermi. In Italia abbiamo avuto un sviluppo anomalo ottenendo un eccesso di offerta gratuita. L’Italia ha molti più canali in chiaro di qualunque altro Paese Ue e se questo è un bene per il consumatore rende insostenibile lo sviluppo dell’offerta tranne per chi ha tanti canali. La pubblicità si è ridotta e si ridurrà la qualità. Credo che a premiare non sia la quantità ma la qualità perché abbiamo tutti meno tempo da dedicare alle scelte. Le do un aneddoto: in Gran Bretagna MySky si chiama SkyPlus e “to skyplus” è diventato un verbo che significa registrare. Questo perché gli anglosassoni amano pianificare . Per noi è diventato più importante il tasto “restart” perché siamo un popolo non certo famoso per la puntualità».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa