Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La truffa dell’Automobil club tedesco gonfiate le preferenze per la Golf

L’auto preferita dai tedeschi? La Volkswagen Golf, ovviamente. Le auto che danno meno problemi di panne mentre le guidi? Il più delle volte quelle made in Germany sebbene la concorrenza asiatica sia temibile. Così per anni il potentissimo, stimato e influente Adac, l’Automobil club tedesco, ha detto al grande pubblico dell’auto di qui, dell’Europa tutta e del mondo intero. Ma era una truffa: per anni, le statistiche erano manipolate. Manipolate ad arte, dal responsabile delle public relation, Michael Ramstetter. Chiediamo scusa, il colpevole verrà punito, ha detto il numero uno dell’Adac, Karl Obermair. Ma il danno d’immagine è enorme, per l’automobile club finora più potente e autorevole del mondo e anche per il sistema-paese: si è infangata da sola un’istituzione considerata fino a poche ore fa, a livello nazionale ma anche globale, potente e rispettabile come la Bundesbank. Ed emerge il gravissimo sospetto di una vera e propria truffa, una propaganda sleale e bugiarda contro i concorrenti dei colossi tedeschi, soprattutto con i produttori di massa come Fiat-Chrysler, Renault-Nissan, Peugeot Citroen-Psa, Toyota, Hyundai-Kia.
«Ci scusiamo con il pubblico, stiamo indagando a fondo, questa storia ci ferisce nel midollo », ha detto ieri Obermair promettendo la punizione più dura contro il responsabile. E ha anche assicurato che le statistiche erano sì gonfiate, ma che le graduatorie delle auto preferite e di quelle che si rompono meno spesso non sono state manipolate. Il problema è che, da quando domenica scorsa Bild am Sonntag, cioè l’edizione domenicale del quotidiano popolare del gruppo Springer (il quotidiano più letto d’Europa) ha accusato l’Adac di menzogna, nessuno vuole più fidarsi dell’automobile club tedesco. Né il ministero della Giustizia federale, che in toni di duro monito esige «che sia fatta luce senza riserve, in nome della difesa dei consumatori e della trasparenza », né il professor Ferdinand Dudenhoeffer, probabilmente il massimo esperto europeo del mondo dell’auto, che accusa l’Adac di «arroganza, chiusura a riccio da istituzione impermeabile, mancanza totale di trasparenza».
Le statistiche truccate per anni dall’Adac erano almeno due, le più importanti, le più seguite dal grande pubblico. La prima: la graduatoria dell’auto preferita dai tedeschi. La Golf risultava prima anche nel 2013. L’Adac parlava di 34.299 voti a suo favore, ora si è scoperto che erano solo 3.409. La seconda statistica manipolata è quella sull’attendibilità delle vetture. Visto che l’Adac collabora con alcuni produttori tedeschi nel soccorso a chi è in panne e nella fornitura dell’auto sostitutiva, quei guasti in cui il ‘Pannendienst’ dell’Adac è intervenuto in aiuto agli automobilisti non sono stati contati.
Facile immaginare che ciò abbia svantaggiato marchi non tedeschi rispetto alla produzione made in Germany. Non a caso, facevano notare ieriSpiegel online e altri siti, a protestare contro l’Adac sono stati i due maggiori produttoripremium della Repubblica federale, cioè il numero uno Bmw e il rivale Mercedes Benz, il brand più antico del mondo.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa