Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La svolta Saipem, torna in utile. C’è il dividendo dopo sette anni

MILANO Ritorno all’utile, distribuzione del dividendo dopo sette anni, tutti i target 2019 superati. Saipem ha chiuso l’anno con un utile netto di 12 milioni di euro, a fronte della perdita di 472 milioni dell’esercizio precedente, e ricavi per 9,1 miliardi, in aumento dagli 8,5 miliardi del 2018. La cura dell’amministratore delegato Stefano Cao, alla guida dal 30 aprile 2015, si fa sentire e la Borsa apprezza: il titolo ha chiuso con un rialzo del 4,93% a 3,596 euro.

Cao ha completato la trasformazione del gruppo da società di servizi petroliferi a global solution provider, capace di offrire le soluzioni più all’avanguardia per affrontare la transizione energetica in corso, mantenendo un ruolo di leadership a livello mondiale per sviluppi complessi e tecnologicamente avanzati in acque profonde. Circa il 96% del fatturato viene prodotto all’estero, di cui l’80% è sotto forma di prodotti e servizi che in larga parte sono forniti da aziende piccole, medie e grandi italiane. «Quando tornai nell’azienda in cui sono nato e cresciuto (l’ha guidata dal 1996 al 2000, ndr), la trovai irriconoscibile, in una situazione di assoluta crisi ma con ancora grandi competenze e professionalità», ricorda Cao. «Ho riorganizzato l’azienda, cambiato processi e uomini in posizione chiave — prosegue — ho cambiato il portafoglio di attività. Meno servizi per l’industria del petrolio e diversificazione delle fonti: più gas (infrastrutture per il gas liquefatto), più rinnovabili (campi eolici offshore e flottanti) e attività ad alto valore aggiunto. Siamo cresciuti nelle tecnologie per la segregazione e riduzione della CO2, abbiamo anche acquisito un mese fa una piccola società canadese con tecnologia distintiva di segregazione di CO2. Stiamo investendo in ricerca per la produzione di idrogeno a costi più bassi».

Nel 2019 il margine operativo lordo è stato pari a 1,146 miliardi (848 milioni nel 2018). L’acquisizione di nuovi ordini è pari a circa 20 miliardi inclusi i nuovi contratti. Il gruppo è in crescita. Durante la call con gli analisti, rispondendo a una domanda, Cao ha ricordato che «cinque anni fa l’azienda era una preda per acquisizioni, ora invece ne è alla ricerca per crescere». La società «guarda a quello che succede nel mercato, alle varie opportunità e se ne troviamo una interessante approfondiamo». Al suo arrivo nel 2015 Saipem era coinvolta in inchieste giudiziarie per corruzione internazionale e stava vivendo anche una crisi reputazionale: «Ora a livello industriale e reputazionale non abbiamo più partite pendenti», ha sottolineato Cao.

Quanto al dividendo di 1 centesimo ad azione, Cao ha precisato che «la cedola che abbiamo proposto non è una proxy (un’indicazione, ndr) per la politica di dividendi futuri, questo è un elemento sul quale dobbiamo lavorare».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa