Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La svolta Fed: interventi a oltranza

La Federal Reserve ha annunciato ieri sera il terzo piano di stimolo all’economia, che prevede l’acquisto di 40 miliardi di dollari al mese di titoli immobiliari. Fino a che, ha spiegato la Banca centrale americana, guidata dal presidente Ben Bernanke, il mercato del lavoro e l’economia non mostreranno «un sostanziale miglioramento», mentre le «tensioni sui mercati finanziari globali continuano a costituire rischi significativi al ribasso per le previsioni economiche degli Stati Uniti».
La notizia, molto attesa da giorni, ha dato le ali a Wall Street, ma è giunta quando in Europa i listini avevano già chiuso con risultati contrastati, con Milano in perdita dell’1%, mentre Londra ha guadagnato lo 0,65%. Sulle Borse europee hanno pesato i timori, nonostante le smentite del Fmi, di un terzo piano di aiuti alla Grecia. A ridosso dell’Ecofin di oggi e domani a Cipro, hanno contato anche i moniti della Banca centrale europea sui conti pubblici di alcuni Paesi.
«Se l’Italia prosegue con il programma di risanamento, riuscirà ad abbattere il debito pubblico fino a portarlo sotto al 100% del Pil entro il 2020», ha previsto ieri il bollettino della Bce. In una sezione sulla sostenibilità dei conti italiani e spagnoli, la Bce spiega che se il governo «non dovesse centrare l’obiettivo del pareggio di bilancio nel 2014», a causa di previsioni «troppo ottimistiche», si troverebbe «immediatamente esposta a rischi considerevoli per la sostenibilità del debito».
Per ora, i dati pubblicati da Bankitalia mostrano un miglioramento: nei primi sette mesi dell’anno le entrate sono salite di 7,7 miliardi (+3,6%), favorendo il calo del debito pubblico a quota 1.967,5 miliardi. I mercati hanno anche favorito un andamento positivo delle aste di Btp a 3 anni per 4 miliardi, con un calo dei rendimenti, sceso dal 4,65% al 2,75%, e lo spread fra Btp e Bund a quota 345 punti, anche per l’aumento dei tassi decennali tedeschi. Comunque sia, la Bce torna a «bacchettare» molti governi europei, perché «malgrado i buoni progressi», c’è «grande necessità di realizzare correzioni strutturali e di bilancio».
La Bce ribadisce con un riferimento velato anche all’Italia che occorre intervenire con «tempestività e determinazione» anche sui mercati dei beni e servizi e del lavoro nell’eurozona, al fine di «accrescere la competitività e conseguire una maggiore crescita durevole». Perché le riforme favoriscono il riequilibrio delle finanze pubbliche e il ritorno della fiducia nei mercati, in un momento delicato per l’economia europea, vista in calo dello 0,4% quest’anno.
Sull’economia di Eurolandia pesano i rischi di un aumento della disoccupazione, gli aggiustamenti dei bilanci, le tensioni nei mercati, e la discontinua ripresa mondiale. Per questo l’Eurotower esorta i governi, soprattutto la Spagna, ad essere «pronti» ad attivare i fondi salvataggi Efsf/Esm, «in caso di circostanze eccezionali», pur nel rispetto delle «condizioni rigorose ed efficaci». Necessarie, per far scattare gli acquisti di titoli nel mercato secondario da parte della Bce, e ridurre quindi gli spread, migliorando i meccanismi di trasmissione della politica monetaria. Pur rimanendo, scrive la Bce di rimando ai critici, «rigorosamente nei limiti del proprio mandato».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa