Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Spagna fa tremare spread e Borse

Dura poco l’illusione del rimbalzo per i mercati europei, giusto il tempo per i ribassisti di serrare le fila e di continuare a vendere come nei giorni precedenti quasi tutto ciò che capita a tiro marchiato di euro: la valuta stessa (scesa a nuovi minimi da 2 anni sul dollaro attorno a 1,2050), le azioni e i titoli di Stato. Del resto, segnali di novità o quantomeno di incoraggiamento nella crisi che ormai si trascina avanti da un anno a questa parte non se ne sono visti e il flusso di notizie resta anzi per lo più negativo e quasi sempre avvolto nella confusione.
L’apice della contraddizione, quella che gli investitori non riescono proprio a digerire, la si raggiunge nel tardo pomeriggio. Il governo spagnolo è infatti costretto a fare marcia indietro e a rimuovere dal proprio sito internet la nota con il presunto appello congiunto con Francia e Italia presso l’Unione europea per l’attuazione rapida delle decisioni assunte nel Summit di Bruxelles di fine giugno dopo le smentite giunte da Roma e Parigi. È l’ennesimo esempio di governi che continuano purtroppo a parlare un linguaggio differente tra di loro ed è una fortuna che il giallo si consumi quando in Europa i mercati sono già chiusi.
In precedenza, la sequela di indiscrezioni (anche qui tra conferme e successive smentite) era stata tale da mettere ulteriore apprensione sui listini: la Catalogna che chiede aiuto (dopo le regioni di Valencia e di Murcia); la stessa Spagna che, secondo quanto rivelato da «El economista», sarebbe sul punto di chiedere all’Europa una linea di credito per coprire i 28 miliardi di Bonos in scadenza a ottobre. A poco, sotto questo aspetto, conta il fatto che nella mattinata Madrid sia riuscita a collocare (ma a caro prezzo) titoli a 3 e 6 mesi per poco più di 3 miliardi di euro, perché il vero test ci sarà la prossima settimana con le scadenze più lunghe.
Il bollettino (di guerra) della giornata parla dell’ennesimo scivolone della Borsa di Madrid (-3,6%), i cui valori sono ridotti ai minimi dal marzo 2003, e di quello di Piazza Affari (-2,7%, raggiunti ormai i livelli del marzo 2009), che ieri hanno visto svanire rapidamente l’effetto dello stop delle vendite allo scoperto su bancari e assicurativi. Tanto è vero che fra i peggiori di seduta troviamo da una parte Intesa Sanpaolo (-4,6%), UniCredit (-4%), Mps (-4,2%), Ubi (-6,6%) e Generali (-3,6%); dall’altra Bbva (-4,2%), Banco Santander (-4,5%), Bankinter (-5,5%) e Mapfre (-8,3%). In rosso, ma con perdite più limitate, anche Francoforte (-0,5%), Parigi (-0,9%), Londra (-0,6%), raggiunte in serata da New York. S&P 500 e Nasdaq hanno infatti ceduto entrambi lo 0,9% risalendo dai minimi su indiscrezioni per un’imminente azione della Fed a sostegno dell’economia.
Stessa linea sui titoli di Stato, dove i rendimenti dei decennali spagnoli balzati al 7,64% (640 punti base in più rispetto al Bund pari scadenza) e il BTp di casa nostra al 6,60% (spread a quota 537). E dove, elemento sempre più inquietante perché testimonia la crescente sfiducia verso gli emittenti, si è verificato un rialzo più marcato delle scadenze brevi con il conseguente appiattimento delle curve dei tassi (vedi articolo nella pagina a fianco). Per la verità ieri i rendimenti sono saliti in tutta l’Eurozona, un riflesso condizionato dalla decisione presa nella serata precedente da parte di Moody’s di abbassare da «stabile» a «negativo» l’outlook per tre storiche «Triple A» rimaste nel Vecchio Continente quali Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi: il rendimento dei decennali tedeschi stessi è cresciuto all’1,23% (+7 punti base), quello degli olandesi all’1,72% (+10), quello dei francesi al 2,27% (+12).
Per il secondo giorno consecutivo, ieri, il mercato ha trovato rifugio soltanto al di fuori dall’Eurozona, come dimostrano i nuovi minimi storici segnati dai rendimenti dei Treasury Usa (1,40% il decennale) e dei Gilt britannici (1,45%).
Nella notte, da New York, la notizia della revisione da parte dell’agenzia Moody’s delle prospettive dell’Efsf, il fondo salva Stati europeo, al ribasso: da stabile a negativo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa