Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La rottamazione in studio non libera i singoli associati

Quando lo studio associato rottama la cartella, non cade l’accertamento Irpef emesso dal fisco a carico del singolo professionista associato. Consacrando l’identità in materia fra società semplici e associazioni professionali, la Cassazione, ordinanza 19781 del 12/7/2021, ha dato torto a un avvocato che aveva aderito alla definizione agevolata solo in qualità di rappresentante legale. I legali di uno studio avevano ricevuto prima un accertamento e poi delle cartelle con le quali l’ufficio aveva negato la detrazioni di alcuni costi, aumentando così il reddito dell’associazione e quello dei singoli associati. Il dominus, in corso di causa, aveva aderito alla rottamazione per conto dello studio, con la speranza che la definizione agevolata fosse già valida rispetto alla sua posizione personale. Ma la Cassazione ha confermato gli atti impositivi a suo carico. Per gli Ermellini, si deve applicare all’associazione professionale il principio, operante in materia di società di persone, per cui l’adesione a definizione agevolata di una società di persone non travolge anche l’accertamento nei confronti dei singoli soci. Deve, difatti, ritenersi che in caso di conduzione collettiva di una attività di lavoro autonomo professionale, ove esercitata nelle forme dell’associazione professionale, ogni associato mantiene la propria soggettività giuridica ai fini dell’assoggettamento a imposizione fiscale, essendo il maggior reddito attribuito, per trasparenza, ai singoli associati, in termini analoghi rispetto a quanto avviene per le società di persone (o di fatto), per quanto sia l’associazione a restare gravata di tutti gli adempimenti formali e sostanziali per le prestazioni rese, anche a titolo personale, dagli associati. Né, ha spiegato il collegio, il contribuente avrebbe mai potuto rivendicare una doppia imposizione: in tema di imposte sui redditi, la doppia imposizione si verifica soltanto nell’ipotesi di due avvisi di accertamento che assoggettino a tassazione il medesimo presupposto, non quando l’imposta venga chiesta in pagamento a due soggetti diversi.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Gaetano Miccichè lascia il consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup. Il presidente della div...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio per tre provvedimenti chiave del governo Draghi per accompagnare l’attuazione del Recovery...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se mai ci fosse stato un dubbio, il Csm ha messo nel mirino tutta la situazione che sta incendiando...

Oggi sulla stampa