Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La road map non cambia

Le sofferenze, la base costi (con un possibile ulteriore giro di vite su uscite anticipate e filiali), il rilancio dell’attività commerciale. Ma soprattutto, la ricerca di un partner nell’arco di un anno, un anno e mezzo al massimo. Cambierà l’azionariato, ma non la road map del Monte dei Paschi. Che, con la maggioranza del capitale nelle mani dello Stato, si prepara ad affrontare una fase non molto diversa da quella che avrebbe vissuto con i cinque miliardi raccolti sul mercato.

Il cda resta, stipendi più bassi
Anzitutto, la squadra. È?assai probabile che il timone resti al consiglio di oggi. Che, tra l’altro, vede un consigliere delegato, Marco Morelli, fortemente voluto dal Tesoro a settembre e un presidente, Alessandro Falciai, che senz’altro a Via XX Settembre non dispiace, come ha confermato il voto favorevole espresso nell’assemblea del 24 novembre. Se la squadra non si tocca, ci sarà piuttosto da rivedere gli ingaggi, che già sono sotto media ma andranno in qualche modo avvicinati ai livelli previsti per i manager delle aziende di Stato.
Ripreso fiato – complice sempre l’intervento dello Stato – sulla liquidità, ci sarà da lavorare sulla raccolta. La rete, da un paio di mesi affidata alle cure di Antonio Nucci, si è mostrata tonica nelle ultime quattro settimane quando c’è stato prima da rastrellare le deleghe dei piccoli soci per l’assemblea e poi da contattare i bondholder per la conversione: ora potrà tornare al suo lavoro, e senz’altro la presenza dello Stato alle spalle del Monte aiuterà a rilanciare una raccolta che negli ultimi mesi aveva sofferto delle recenti traversìe, di cui la reputazione ovviamente non era stata immune. L’emorragia dunque c’è stata, ma ora si tratta di tornare ai target contenuti nel piano presentato il 25 ottobre da Marco Morelli, che vedeva una potenzialità per la banca di 95,7 miliardi di raccolta totale, il 13,9% in più di oggi.

La gestione degli Npl
Capitolo più urgente, le sofferenze. Caduta la cartolarizzazione con Atlante e la necessità di effettuarla contestualmente all’aumento richiesta da Jp Morgan, lo Stato azionista consentirà di spostarla avanti di qualche settimana e di rivederne in parte le modalità: obiettivo della banca e del nuovo socio di controllo, infatti, sarebbe quello di effettuarla entro il primo trimestre. Come? La via più facile da percorrere è una nuova cartolarizzazione, di nuovo con Atlante (che ha manifestato la disponibilità a rimanere in partita, a patto che si riveda la ripartizione del sottostante e quindi del rischio tra le tre tranche) o senza, con lo Stato che si troverebbe nel doppio ruolo di titolare di buona parte dei titolo junior e di garante di quelli senior coperti da Gacs. A quel punto, si ragiona da più parti, si potrebbe anche optare per una soluzione integralmente in house: niente cartolarizzazione ma gestione in proprio del processo di dismissione e recupero. Una via, questa, che potrebbe riservare soddisfazioni maggiori in termini di prezzi ma anche tempi più lunghi, forse incompatibili con l’exit del Tesoro in un orizzonte di 12-18 mesi. Un dato è certo: per avere appeal sul mercato e un bilancio sostenibile, il Monte deve approdare al più presto ai 55 punti base di costo del rischio attesi per il 2019 nel piano Morelli, che prevedeva però l’immediata uscita di 28,5 miliardi di Npl e l’innalzamento delle coperture sugli incagli al 40%.

Il piano, i costi e l’M&A
Le cifre saranno contenute in un piano industriale che, formalmente, potrebbe essere nuovo e rispedito in Bce per l’approvazione. Difficile però immaginare che, per obiettivi e ratio possa essere molto diverso da quello di ottobre. Con un’eccezione, forse: il capitolo costi. Il target 2019, al momento, è un cost/income del 55%, in linea cioè con quello registrato al 30 giugno di quest’anno. L’asticella qui potrebbe alzarsi, con un giro di vite ulteriore sulle 500 filiali in chiusura e sulle 2.600 uscite anticipate, che potrebbero salire magari pescando anche dal Fondo esuberi in parte rifinanziato con risorse del sistema. Un passaggio chiave, quest’ultimo, anche in vista delle future, inevitabili, nozze: ciò che finora aveva tenuto lontano ogni possibile pretendente da Siena erano stati i costi, legati alle sofferenze ma anche a una struttura ritenuta sovradimensionata.
.
Marco Ferrando

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa