Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La rinascita di Pirelli, utili a 440 milioni

di Federico De Rosa

MILANO — Bilancio record per Pirelli che archivia il 2011 con ricavi in crescita del 16,6%, utili per 440 milioni e un redditività media del 10,3%, superiori alle attese del mercato che ha reagito regalando ai titoli della Bicocca un rialzo del 7,23%. I risultati sono stati approvati ieri dal board del gruppo milanese, che alla luce dell'andamento dell'anno passato ha deciso di rivedere al rialzo gli obiettivi di fatturato e redditività per il 2012. Ma anche di ritoccare il dividendo che per le azioni ordinarie passa a 0,27 euro, da 0,165, e per le risparmio a 0,34 euro da 0,229. E insieme agli azionisti saranno premiati anche i manager: il raggiungimento dei target 2009-2011 fa infatti scattare il piano di incentivazione per 90 dirigenti che riceveranno 60 milioni di premio, di cui 14 milioni a Tronchetti.
A spingere il giro d'affari del gruppo guidato da Marco Tronchetti Provera sono state soprattutto la focalizzazione sui pneumatici alto di gamma e l'andamento nei mercati emergenti. Nonché la flessibilità della struttura dei costi che ha permesso di contenere l'impatto dell'aumento dei prezzi delle materie prime, che l'anno scorso è stato di 512 milioni. La divisione «Tyre», che genera ormai la quasi totalità dei ricavi di gruppo, ha visto nel 2011 le vendite aumentare del 17,4% a 5,6 miliardi. Il risultato operativo, post oneri di ristrutturazione, è stato di 643,9 milioni di euro, il 42,1% in più del 2010, con una redditività dell'11,5%. Nel dettaglio, è dall'attività «Consumer» (auto, moto e furgoni) che è arrivata gran parte dei ricavi: 3,92 miliardi di euro, il 18,9% in più dell'anno precedente (+27,3% per il Premium), con un aumento dei volumi del 3% e un incidenza del margine operativo lordo sui ricavi del 17,1%. Il risultato operativo è più che raddoppiato toccando quota 490 milioni. Sul fronte dell'attività «Industrial» (veicoli industriali) i ricavi sono stati pari a 1,67 miliardi, in crescita del 13,9%.
Anche per il 2012 è confermato il focus sui pneumatici alto di gamma e l'impegno sui mercati emergenti dove nel 2011 sono già stati investiti 626 milioni di euro per ampliare la produzione in Argentina, avviare la costruzione di uno stabilimento in Messico e acquisire due impianti in Russia. E con l'aumento della capacità produttiva sono destinati a crescere anche i risultati. Le nuove linee guida per il 2012 indicano una crescita dei ricavi a 6,6 miliardi, una redditività del 12% e una posizione finanziaria netta inferiore al miliardo, dagli attuali 737 milioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa