Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La responsabilità medica sopravvive alle linee guida

La responsabilità civile del medico chirurgo per un intervento finito male non è esclusa anche se sono state applicate scrupolosamente le linee guida e le buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica. Il decreto legge 158/2012, convertito nella legge 8 novembre 2012, che depenalizza la responsabilità dei sanitari per fatti in sostanza imprevedibili, non tocca minimamente le conseguenze civilistiche per i danni colposi, anche da colpa lieve, provocati al paziente.
La Terza sezione civile della Cassazione (sentenza 4030/13, depositata ieri) torna sul tema sempre caldissimo del rapporto tra medico e paziente, intervenendo su un territorio molto prossimo alla medicina difensiva. Il caso nasceva dall’odissea, non solo giudiziaria, di una donna emiliana operata nel 1993 per un sospetto tumore – in realtà inesistente – e che a causa dell’intervento aveva poi riportato una invalidità permanente quantificata in dieci punti.
Secondo la difesa dei responsabili civili – cioè la compagnia di assicurazione e la Asl locale – la depenalizzazione dello scorso anno, almeno nei limiti definiti dall’articolo 3, renderebbe improcedibile anche ogni azione di risarcimento civilistico. Una interpretazione, questa, smentita dallo stesso tenore letterale della norma – argomenta la Cassazione – visto che nel dl 158 è fatta esplicitamente salva la clausola generale del neminem laedere (articolo 2043 del Codice civile) tantopiù in un ambito che «riguarda diritti umani inviolabili quale è la salute».
Non solo. Anche se i medici provassero una propria colpa lieve – affievolita appunto dall’aver fatto “il meglio” stabilito dalla comunità scientifica in quel momento storico – questa prova «non esime dalla responsabilità civile, che considera la colpa in una dimensione lata, inclusiva del dolo e della diligenza professionale, e nel caso di specie i medici e la struttura non hanno dato la prova della esimente della complicanza non prevedibile e non prevenibile, prova che incombe alla parte che assume l’obbligo di garanzia della salute».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ancora un semestre di transizione per il gruppo Enel. La società leader del settore energia - nonc...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo un anno di trattative Unicredit, con accelerazione da pochi attesa, irrompe verso l’acquisiz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A un certo punto della trattativa a un ministro dei 5 Stelle scappa detto che «qui crolla tutto»....

Oggi sulla stampa