Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La notte dei tredici congiurati per cacciare la premier May

Di ritorno dal Consiglio europeo, stremata da due giorni a Bruxelles dove l’Ue le aveva concesso un mini rinvio della Brexit, venerdì mattina Theresa May è arrivata a Downing Street e ha chiesto un « grande bicchiere di whisky » . Era stata una settimana maledetta per la premier britannica, ma il peggio doveva ancora arrivare. Sabato sera il Sunday Times lancia la notizia bomba: « C’è un golpe in corso nei confronti di May, 13 membri dell’esecutivo sono passati all’attacco, la premier verrà defenestrata nel Consiglio dei ministri di lunedì (oggi, ndr) » . « È fuori controllo: deve andarsene».
Da settimane si parla di un accerchiamento di ministri nei confronti di Theresa May, ma negli ultimi giorni i “congiurati” hanno alzato la pressione su May, che sta cercando di portare disperatamente a termine una Brexit sempre più velenosa, in un partito conservatore e un governo dilaniati. Le ricostruzioni degli ultimi giorni a Downing Street ricordano “Assassinio sull’Orient Express”, in cui tutti, uno a uno, danno una coltellata alla vittima, cioè May, giudicata incapace di completare la Brexit.
Del resto la settimana terribile di May era iniziata malissimo, con il clamoroso veto dello speaker ( presidente) della Camera, John Bercow, sul ritorno del suo accordo Brexit in Parlamento «senza sostanziali modifiche » . Di lì, una serie di errori della premier: martedì i ministri “ brexiters” l’hanno convinta a non chiedere all’Europa un’estensione lunga della scadenza Brexit del 29 marzo, e questo è stato un favore agli euroscettici ribelli del suo partito perché il “ No Deal”, cioè la pericolosa ma da loro agognata uscita senza accordo dall’Ue, è tornato sul tavolo. Mercoledì sera, poi, il disastro: May fa un disarmante discorso alla nazione in cui si schiera «con il popolo» e attacca il Parlamento «responsabile» del caos nazionale, scatenando così la furia di moltissimi deputati, soprattutto coloro che stavano pensando di appoggiare il suo piano.
Oggi i ministri ribelli potrebbero chiedere a May di dimettersi, anche tra qualche giorno in cambio di far passare il suo accordo alla Camera, per lasciare il posto al vicepremier David Lidington, detto “ l’uomo grigio”, o al ministro dell’Ambiente, Michael Gove, brexiter e cospiratore seriale ( chiedere al sodale Boris Johnson o all’ex premier Cameron), oppure alla deputata Nicky Morgan, che però è una “ remainer” e quindi divisiva. Ieri Lidington e Gove hanno smentito tutto e confermato sostegno alla premier, che poi sono andati a trovare nella sua residenza di campagna Chequers insieme a vari ribelli euroscettici come Boris Johnson e Jacob Rees-Moog. Nella circostanza, May è riuscita a schivare i colpi ma la vera prova sarà oggi, in ben due Consigli dei Ministri. E sempre oggi, il Parlamento potrebbe prendere il timone sulla Brexit se avrà i voti: a quel punto ogni epilogo sarà possibile. Non a caso, pare che May non ripresenterà il suo accordo in aula neanche questa settimana: non ha i voti. Ma la cocciuta premier farà di tutto per non dimettersi. L’unico che potrebbe convincerla è l’amato marito Peter, suo primo sostenitore. Ma un paio di ministri gli hanno già detto: « Peter, pure Denis Thatcher a un certo punto disse: “Margaret, è finita” ».

Antonello Guerrera

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa