Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La musica Universal arriva su Facebook

Facebook lancia la sfida a YouTube, il servizio di video controllato da Alphabet, casa madre di Google. La firma di un accordo globale di licenza pluriennale con Universal Music darà accesso agli utenti di Facebook ai cataloghi della musica di Universal, permettendo loro di caricare e condividere i video musicali non solo sul social network, ma anche sulle controllate Instagram e Oculus, la società di realtà virtuale acquisita da Mark Zuckerberg nel 2014 per 2 miliardi di dollari. In seguito, l’intesa sarà allargata anche a Messanger.

La partnership, annunciata a pochi giorni di distanza dall’accordo tra You Tube e la stessa Universal e Sony Music, fa capire quanto Facebook stia spingendo per entrare sul popolare e ricco (di pubblicità) mercato dei video, con l’obiettivo di tenere più a lungo gli utenti sul sito e quindi attirare più investitori. Ma rivela anche quanto l’industria musicale abbia bisogno di allargare la propria presenza sulle piattaforme social per far quadrare i conti.

«Insieme Facebook e Umg stanno creando un nuovo modello dinamico per far collaborare le società di musica e le piattaforme social per far avanzare gli interessi di artisti e cantautori, e allo stesso tempo aumentare l’esperienza della musica per i loro fan», ha affermato Michael Nash, vice presidente esecutivo delle strategie digitali di Umg. «Questa alleanza è un primo passo importante e dimostra che l’innovazione e un’equa compensazione per i creatori di musica si rafforzano a vicenda», ha aggiunto. Dal canto suo, con questa intesa Facebook ottiene in licenza contenuti musicali dal più grande player nella categoria più popolare di video, visto che Universal che fa capo alla francese Vivendi di Vincent Bolloré, è il numero uno mondiale del settore discografico con il 28,9% del mercato nel 2016 secondo Midia Research.

Giuliana Ferraino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa