Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Se la liquidità record delle banche centrali non è abbastanza

È pari a 28mila e 800 miliardi di dollari il controvalore degli asset nei bilanci delle principali banche centrali: Fed, Bce, Bank of Japan e People’s Bank of China. In media la crescita annuale è stata del 44% secondo i calcoli di Yardeni Research. Un incremento record che fotografa l’enorme sforzo fatto per sostenere l’economia e stabilizzare i mercati finanziari travolti dallo shock della pandemia. I piani straordinari di acquisto titoli, al pari degli stimoli fiscali varati dai governi, hanno contribuito a tenere in vita l’economia durante i lockdown. In modo diverso sono stati una terapia d’urto necessaria ad evitare che una crisi sanitaria si trasformasse in una crisi finanziaria. Qualora, ad esempio, il blocco delle attività avesse dato luogo a un’ondata di insolvenze sui debiti pubblici e privati.

Non è un caso che, quando esplose l’emergenza, furono i bond dei debitori a maggior rischio a finire nell’occhio del ciclone. Italia compresa a giudicare dalla fiammata messa a segno dallo spread tra l’esplosione del focolaio a Codogno e il lockdown nazionale. La Bce, a dir la verità, non fu prontissima a correre in soccorso del nostro Paese. Anzi furono proprio alcune improvvide dichiarazioni di Christine Lagarde («Non è nostro compito chiudere gli spread») ad amplificare la speculazione contro i BTp. Ma la Bce avrebbe fatto presto a rimettersi in carreggiata con il varo del piano di acquisti pandemici “Pepp”. Un «bazooka» decisivo nell’allentare la tensione e spegnere la speculazione. Non solo sui debiti sovrani ma anche e soprattutto sul debito societario. Grazie al mix di politiche fiscali e monetarie le aziende hanno potuto rifinanziare il loro debito e, con lo scudo delle banche centrali, i governi hanno potuto finanziare le costose politiche anti-Covid. Non era scontato.

Se siamo stati in grado di limitare i danni finora insomma bisogna ringraziare anche i banchieri centrali e la loro capacità di inventarsi soluzioni innovative a fronte di una crisi inedita. Nonostante la pandemia continui a colpire duro forzando gli Stati a imporre restrizioni è indubbio che oggi ci troviamo in una condizione molto più favorevole rispetto a un anno fa. Grazie a migliori strumenti di contenimento e gestione del contagio e soprattutto grazie all’arma del vaccino che, si spera, potrà portarci presto fuori dall’incubo della pandemia. Non solo. L’economia promette di ripartire a pieno ritmo. Grazie ai maxi-piani di investimenti pubblici che sia l’Europa, con il piano Next Generation Eu, sia Stati Uniti, con i 1900 miliardi di dollari del piano Biden, si apprestano a varare.

Tutto bene quindi? Non proprio. La tanto attesa ripartenza dell’economia mondiale si è accompagnata a colli di bottiglia nella catena globale di forniture. La macchina è ripartita troppo veloce e troppo in fretta. E questo ha avuto l’effetto collaterale di generare inflazione. Che è stata favorita anche dal forte rialzo dei prezzi delle materie prime. E molti credono che piani di stimolo non faranno altro che consolidare queste pressioni.

Fondati o meno che siano questi timori un effetto concreto lo hanno avuto: scontando l’inflazione in arrivo i tassi nominali dei bond sono risaliti in maniera marcata. Una fiammata che è partita dai Treasury americani i cui rendimenti, poco sopra l’1% un mese e mezzo fa, si sono riportati all’1,6% come non accadeva da gennaio 2020. Con effetti a cascata sui tassi di tutto il mercato obbligazionario globale. BTp compresi i cui tassi, scesi sotto i mezzo punto percentuale dopo l’incarico a Draghi, ieri quotavano 0,68 per cento.

L’instabilità del mercato dei bond non è la benvenuta in un’economia ancora convalescente per l’emergenza Covid. E da più parti, recentemente, si torna a chiedere l’intervento delle banche centrali. A partire dalla Fed che, per ora, ha risposto picche a chi, in questa fase, ha chiesto interventi più decisi (leggasi “controllo della curva dei rendimenti”). E anche sulla Bce non mancano le pressioni. Le aste del Tesoro Usa, che collocherà 120 miliardi di nuovo debito, saranno un test chiave per capire chi l’avrà vinta. Una cosa è certa: nonostante l’enorme liquidità in circolazione i mercati continuano ad avere sete.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa