Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Germania acquista dati di evasori a Dubai

La Germania compra i dati da Dubai per scovare gli evasori. Secondo quanto dichiarato dal ministro delle Finanze Olaf Scholz, il fisco tedesco ha acquistato una serie di dati da una fonte anonima per rintracciare possibili casi di evasione fiscale da parte di ricchi cittadini tedeschi che nascondono il proprio patrimonio nell’Emirato. Per ottenere le informazioni, che contengono perlopiù dati su proprietà immobiliari e terreni, il ministero delle finanze ha versato 2 milioni di euro, ha riferito Der Spiegel citando una fonte anonima. «Su mia iniziativa, l’Ufficio centrale federale delle imposte si è procurato un cd contenente dati rilevanti dal punto di vista fiscale nell’Emirato di Dubai. I dati saranno ora valutati dalle autorità fiscali regionali», ha detto Scholz a Berlino. I dati sono attualmente in possesso dell’agenzia delle entrate di Bonn. La prossima settimana saranno consegnati alle autorità fiscali degli stati federali affinché possano esaminarne il contenuto e, se necessario, avviare le indagini. È la prima volta che il governo federale di Berlino tenta questa mossa, mentre i governi dei Land tedeschi hanno già fatto acquisti simili in passato per iniziare indagini contro gli evasori. L’ex ministro delle finanze del Nord Reno-Westfalia (con capitale Düsseldorf), Norbert Walter-Borjans, ora co-presidente del partito socialdemocratico, aveva acquistato un cd di dati provenienti dalla Svizzera nel 2010. La pratica ha innescato un’ondata di autodenunce in Germania e accertamenti massicci sui clienti tedeschi delle banche svizzere. All’epoca si stimava che i contribuenti tedeschi detenessero in Svizzera patrimoni non dichiarati per circa 200 mld . Il governo federale tedesco aveva dato l’ok alle autorità statali per comprare le informazioni anche se ottenute illegalmente. Ma già nel 2008 la Germania aveva comprato i dati hackerati dalla principale banca del Liechtenstein, LGT, costringendo il principato alpino a rinunciare al segreto bancario attraverso un accordo fiscale bilaterale siglato nel 2009. Berlino ha firmato un accordo fiscale con la Svizzera solo nel 2012.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Carlos Tavares sorprende il mercato e, in un momento non facile per l’auto, migliora in misura si...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nexi e Alpha Services and Holdings, capogruppo della greca Alpha Bank, hanno avviato una partnershi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Senza infamia, ma anche senza lode. Il mondo della banche italiane esce sostanzialmente indenne dai...

Oggi sulla stampa