Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Francia regola le criptovalute

La Francia è tra le prime grandi economie mondiali a introdurre un quadro definito per la regolamentazione delle criptovalute e ora spingerà affinché l’Unione Europea adotti regole simili. Lo ha riferito lunedì il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, in seguito all’approvazione da parte del parlamento francese della nuova legge sul settore finanziario. La regolamentazione francese delle criptovalute stabilisce un sistema di certificazione per le imprese che vogliono emettere nuove criptovalute o scambiare quelle già esistenti. Una certificazione effettuata dall’autorità di regolamentazione del mercato, che avrà lo scopo di verificare chi si trova dietro l’emissione di una nuova moneta o dietro una piattaforma di trading, verificando il rispetto della normativa antiriciclaggio. I requisiti specifici che le aziende devono rispettare per ottenere la certificazione dovranno essere definiti dai decreti attuativi, tuttavia l’obiettivo della certificazione rimane quello di garantire agli investitori contro le frodi. La regolamentazione infatti si pone lo scopo di creare un quadro normativo certo per fare crescere a Parigi il mercato delle società che raccolgono capitali in questo modo, consentendo alla Francia di aumentare gli investimenti nel settore. Paesi come il Giappone e la Svizzera hanno introdotto misure ad hoc per le criptovalute, mentre la Commissione europea ha recentemente lanciato uno studio di fattibilità su come regolamentare la tecnologia, sebbene non sia prevista alcuna legislazione almeno fino alla fine dell’attuale legislatura.

Carlo Ghirri

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La crisi generata dal coronavirus colpisce frontalmente l’economia reale ma rischia di riflettersi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Lavoratori pagati dalle banche anziché dall’Inps. È la soluzione che il governo sta pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BERLINO — La Bce ha deciso un altro passo importante. Per il bazooka appena sfoderato da 750 mili...

Oggi sulla stampa