Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La flessibilità in uscita è realtà per gli avvocati

Rispettando il criterio dell’anzianità contributiva da maturare (che, a regime, sarà di 35 anni nel 2021), è, infatti, possibile accedere prima alla pensione a partire dal 65° anno di età e con una penalizzazione dello 0,41% per ogni mese di anticipo (il 5% su base annua). È un passaggio messo in luce ieri dai vertici della Cassa di previdenza forense, durante un’audizione nella Commissione bicamerale di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, che si sono così inseriti nel dibattito (di grande attualità) sulle modalità per permettere l’andata in pensione attraverso requisiti più elastici; se, invece, ha spiegato il presidente Nunzio Luciano, il professionista iscritto può vantare «almeno 40 anni di anzianità contributiva, l’anticipazione, sempre risalendo, al massimo, al 65° anno di età, non comporterà» alcuna riduzione dell’importo del futuro assegno. Quanto, invece, alla componente giovanile (i legali under 35), l’ingresso nell’Ente viene favorito mediante una sforbiciata del 50% del contributo soggettivo minimo per i primi sei anni di iscrizione (l’ammontare è di 1.407,50 euro per il 2016). Ed è stato previsto pure un vantaggio aggiuntivo, esteso ai primi otto anni di iscrizione, se l’avvocato ha un reddito inferiore ai 10.300 euro: il contributo soggettivo minimo viene ulteriormente ridotto alla metà, dando così diritto a sei mesi di anzianità contributiva, e la seconda metà del versamento dovuto viene «resa facoltativa», potrà essere pagata entro gli otto anni dall’entrata negli elenchi della Cassa e se l’avvocato deciderà di saldare la quota ciò gli permetterà di ottenere i residui sei mesi di anzianità contributiva. Sempre per i giovani professionisti, ha sottolineato Luciano dinanzi ai parlamentari, è stato disposto che il contributo integrativo minimo non debba esser versato per i primi cinque anni di iscrizione. E che il pagamento ammonti al 50% per i successivi quattro anni (nell’anno in corso la cifra è di 355 euro.

Simona D’Alessio

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa