Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La domanda interna batte un colpo

Nessun rimbalzo, ma almeno la direzione è quella giusta. Il punto saliente del dato Istat di marzo sui ricavi dell’industria è la ripresa della domanda interna, una crescita dell’1,8% che infine concretizza i numerosi segnali in ordine sparso in arrivo nelle ultime settimane: dalla mini-ripresa del traffico autostradale al buon recupero della manifattura legata ai beni strumentali, per finire con la ritrovata tonicità delle nostre esportazioni nell’area Ue. 
A trainare il dato annuo del fatturato industriale (+2,7%, con una crescita di tre decimali anche su base mensile destagionalizzata) è ancora una volta l’export, forte di un progresso del 4,2% ma la domanda interna questa volta non sfigura troppo, con un aumento di quasi due punti che rappresenta il miglior dato dal dicembre del 2011.
Per i ricavi realizzati in Italia si tratta del secondo segno positivo nel 2014, performance ovviamente inadeguata a recuperare gli oltre due anni di caduta libera ma almeno orientata nella giusta direzione.
Uno sviluppo legato in particolare alla ripresa del settore automotive (+25,9% in media per i mezzi di trasporto) dove le performance di marzo, in termini relativi, sono davvero rilevanti e iniziano a tradurre nei conti delle imprese l’inversione di tendenza delle immatricolazioni di auto degli ultimi mesi in Italia e in gran parte d’Europa.
Per i ricavi legati alla produzione di auto e moto la domanda interna balza del 40%, poco al di sotto della performance oltreconfine, mentre per la componentistica la crescita su base nazionale è del 17,8%. Nel dato Istat trovano conferma anche i sondaggi e le analisi realizzati dalle principali associazioni di Federmacchine (pubblicate sul Sole 24 Ore di ieri, ndr), con una crescita dei ricavi per macchinari e attrezzature che vale in media solo l’1,7%, risultato di un rallentamento all’estero (-2%) ma di uno scatto di oltre sette punti all’interno dei confini nazionali.
«Anche dal nostro osservatorio – spiega il capo economista di Intesa SanPaolo Gregorio De Felice (si veda altro articolo in pagina ndr.) – confermiamo una ripresa della domanda interna e restiamo moderatamente fiduciosi per il 2014, dove prevediamo un Pil in crescita dello 0,5%. Il dato negativo del prodotto nel primo trimestre è in parte influenzato da due variabili “straordinarie” come il crollo di export di oro verso la Svizzera e soprattutto la caduta dei ricavi del comparto energetico a causa delle elevate temperature degli ultimi mesi».
E in effetti, anche l’Istat, escludendo l’energia dal calcolo, registra per la manifattura “pura” una performance dei ricavi migliore: un aumento globale del 3,4% e del 2,7% nel mercato interno, cioè in quest’ultimo caso quasi un punto in più rispetto al dato medio, con buone performance interne per cemento, siderurgia e prodotti in metallo, a segnalare una ritrovata domanda che abbraccia più settori.
I numeri sui ricavi non cancellano tuttavia le molte ombre ancora esistenti, visibili nel segno meno realizzato da alcuni comparti chiave. Spicca ad esempio il calo dell’alimentare, una frenata del 4,3% che sfiora i cinque punti sul mercato interno. E considerando che nello stesso mese la produzione industriale del comparto cede appena lo 0,7%, è logico pensare che la riduzione dei ricavi sia legata alla forte pressione promozionale realizzata da produttori e catene di supermercati, con quasi il 30% dei prodotti ormai venduti in condizioni di sconto.
Giù, sul mercato nazionale, anche il fatturato per mobili, calzature e abbigliamento, settori che ancora evidentemente pagano la ridotta capacità di acquisto delle famiglie.
Al buon dato sui ricavi si aggiunge a marzo la performance positiva anche per gli ordini, in crescita soprattutto all’estero (+4,9%) ma capaci di lievitare anche in Italia (+1,4%) per il settimo mese consecutivo.
Certo, ad aiutare le statistiche è il confronto con il primo trimestre del 2013, forse il peggior periodo per la nostra industria dopo la crisi del 2009, ma è comunque confortante anche in questo caso vedere un robusto rimbalzo per i beni d’investimento: una crescita dell’8,1% a marzo per le commesse di macchinari e attrezzature che gettano qualche raggio di luce in più sui ricavi del settore nei prossimi mesi.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa