Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La crisi cinese torna a colpire le Borse Milano perde il 2,2%, Londra il 3%

Torna la pressione sui mercati azionari, che ancora una volta nell’ultimo mese hanno fatto i conti con i segnali di rallentamento dell’economia cinese. Milano ha chiuso in calo del 2,2%, Francoforte del 2,4%, Londra del 3 per cento, Parigi del 2,4 per cento. E i listini hanno perso 216 miliardi di capitalizzazione. 
A diffondere il pessimismo ieri è stato un dato industriale annunciato da Pechino: l’attività manifatturiera in Cina è tornata ai minimi da sei anni. Il rilevamento, che si basa su interviste ai manager degli acquisti (coloro che hanno il polso diretto sull’andamento degli affari), ha segnato un calo a 49,7 ad agosto da 50 di luglio. Si tratta del livello più basso dal marzo del 2009. L’annuncio ha innescato nuove vendite sui mercati asiatici. Shanghai, che già sconta i crolli di agosto (-12%) e di luglio (-14%), nella prima seduta di settembre ha perso un altro 1,23% dopo aver sfiorato il -4%. Tokyo ha lasciato sul terreno il 3,8%, Hong Kong il 2,2%.
Chiusa l’Asia, le Borse europee hanno avviato le contrattazioni in calo. Nemmeno il pmi manifatturiero in Europa ha portato il sereno: nell’eurozona è sceso a 52,3 da 52,4, in Italia è calato a 53,8 dopo aver segnato un massimo a luglio a 55,3, mentre in Germania è salito a 53,3 da 51,8. I listini hanno tentato un timido recupero al giro di boa, ma poi hanno ripreso a perdere quota con l’avvio in rosso di Wall Street. «A rafforzare il mood negativo degli operatori è arrivato a metà seduta europea il dato sul settore manifatturiero americano, anch’esso inferiore alle attese, che ha fatto passare in secondo piano gli ottimi numeri relativi alle nuove auto — commenta Roberto Russo, amministratore delegato di Assiteca sim —. Le recenti forti oscillazioni del prezzo del petrolio e dei mercati azionari stanno condizionando psicologicamente gli investitori, che si lasciano prendere da comportamenti orientati al breve termine». Milano sul finale ha perso il 2,24%, facendo leggermente meglio delle altre piazze europee, confortata dai dati sul Pil (il secondo trimestre è stato rivisto al rialzo a +0,3% da +0,2%) e da quelli sull’occupazione(la disoccupazione di luglio è calata al 12%).
Cina da una parte, Stati Uniti dall’altra. Si avvicina la riunione del Federal Open Market Committee (Fomc), che prenderà decisioni sui tassi di interesse americani: un eventuale rialzo è atteso, da visto il ritorno dell’incertezza sono in molti a sperare che sarà rimandato. La riunione è fissata per il 16 e 17 settembre.
L’euro ha chiuso in lieve calo a 1,1251 dollari. Lo spread tra i Btp decennali e i Bund tedeschi è sostanzialmente stabile a 119 punti base. Il rendimento dei titoli di Stato italiani decennali è all’1,99 per cento .
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa