Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La crisi cancella 94 mila botteghe artigiane

Una ventina di mestieri quasi scomparsi e 95mila imprese artigiane cancellate dalla crisi. La mappa tracciata dalla Cgia di Mestre è impressionante e mostra un pezzo di Italia destinato al declino e, in alcuni casi, a scomparire in breve tempo. Oggi si contano quasi 94.400 imprese artigiane in meno: se nel 2009 le imprese attive sfioravano il milione e mezzo, a fine 2014 sono scese a circa 1.371.500. Le Regioni che in assoluto ne hanno perse di più sono la Lombardia (12mila), l’Emilia Romagna e il Piemonte con 10mila in meno ognuna, e il Veneto con 9mila 900. In percentuale invece i territori più colpiti sono la Sardegna (-12,2%), il Molise (-9,7%) e l’Abruzzo (-9,4%). I settori più penalizzati sono le costruzioni (-17,4%), i trasporti (-13,5%) e le attività di natura artistica (-11%). In assoluto, invece, la crisi ha messo alle strette impiantisti, elettricisti, idraulici, manutentori, con 27.502 unità in meno. Pesante anche la situazione registrata nell’edilizia (-23.824) e nell’autotrasporto (-13.863). Crescono, al contrario, le attività di pulizia di edifici e impianti e quelli che si occupano di giardinaggio: quasi 120mila in più. Bene anche l’alimentare (rosticcerie, friggitorie, pasticcerie, gelaterie), con crescita di 3.527 imprese e il settore della produzione di software (+1.762).
Resta però difficile la situazione dell’artigianato: con 10.633 chiusure le officine fabbrili sono state le più penalizzate. A queste si aggiungono le falegnamerie (-6.757 unità) e le attività del tessile, abbigliamento e calzature con 5.409 aziende in meno. «Oltre il 54% della contrazione — rileva il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi — riguarda la casa. Ma preoccupa lo stato di salute di alcune professioni storiche che ormai stanno scomparendo: come barbieri, calzolai, fotografi, rilegatori o ricamatrici. Senza dimenticare i norcini e i casari». Un nuovo segnale di allarme, infine, arriva dai consumi delle famiglie che arretrano ancora nel 2014. Secondo Confcommercio dicembre ha registrato un calo dello 0,1% su novembre e dello 0,8% tendenziale. Nel complesso la diminuzione di beni e servizi acquistati è lo 0,7%.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il management di Mediobanca confeziona una trimestrale con 200 milioni di utile netto, meno di un an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessun rilancio sul prezzo, ma un impianto complessivamente più flessibile e con qualche passo avan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le recenti modifiche apportate alla legge 130/1999 (disposizioni sulle cartolarizzazioni dei crediti...

Oggi sulla stampa