Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La crescita Tokyo, la trappola della quinta recessione

Il Giappone torna in recessione tecnica (due trimestri consecutivi in discesa) ad appena sei mesi dalla fine dell’ultima: nel terzo trimestre il prodotto interno lordo (Pil) è sceso dello 0,2% sui tre mesi precedenti e dello 0,8% su base annua, dopo un calo congiunturale (corretto) dello 0,2% e dello 0,7% annualizzato tra aprile e giugno. È la quinta recessione del Sol Levante in 7 anni, la seconda da quando Shinzo Abe è diventato primo ministro, nel dicembre del 2012, sollevando dubbi sull’efficacia della sua strategia, la cosiddetta Abenomics, per far ripartire la crescita e far uscire Tokyo da oltre vent’anni di deflazione.
In Borsa l’indice Nikkei ha aperto in brusca caduta, ma pesava anche l’incertezza legata agli attentati terroristici di venerdì sera a Parigi, e Tokyo era il primo mercato a riaprire dopo il weekend di sangue. A fine giornata, però, le perdite sono state tutto sommato contenute (-1,04% la chiusura), perché a sostenere il mercato ha contribuito la convinzione che il governo possa lanciare un nuovo piano di stimoli. Domani e giovedì si riunisce la Bank of Japan, la banca centrale, e il governatore Haruhiko Kuroda potrebbe dare il semaforo verde a un nuovo round di quantitative easing , con l’acquisto di titoli sul mercato.
L’ultimo dato sulla salute dell’economia conferma che il malato Giappone non riesce a rimettersi in piedi stabilmente da almeno un quarto di secolo. Il tasso di crescita è stato in media dello 0,49% dal 1980 al 2015, con un picco storico del 3,2% nel secondo trimestre del 1990 e una flessione record di -4% nei primi 3 mesi del 2009.
Ci sono alcune note positive. Tra giugno e settembre i consumi, che rappresentano il 60% del Pil, hanno ricominciato a crescere (+0,5% sui 3 mesi precedenti, dopo una flessione dello 0,6% nel secondo trimestre), e l’export è aumentato del 2,6%. Ma questi due motori non sono bastati a cambiare l’umore delle aziende, che hanno preferito usare le scorte di magazzino invece di far ripartire gli investimenti, caduti dell’1,3% (sono in crescita dell’1,9% solo quelli per l’edilizia residenziale), a dispetto del forte aumento dei profitti. Né i salari hanno mostrato incrementi significativi, nonostante la disoccupazione sia ai minimi (3,4% a settembre) e questo contribuisce a mantenere bassa l’inflazione, che resta ferma allo 0,2%.
Il problema? A spaventare non è soltanto il rallentamento della Cina, il maggior partner commerciale del Sol Levante, ma anche l’invecchiamento della popolazione. In Giappone la situazione demografica appare più grave che altrove: è il Paese con il più basso tasso di natalità mondiale a fronte di uno dei più alti tassi di longevità, ma è chiuso quasi totalmente all’immigrazione straniera. Le previsioni indicano che la popolazione si ridurrà da 127,5 a 97 milioni nel 2015.
Eppure, nonostante la nuova recessione tecnica, il governo lancia segnali di ottimismo. Sebbene non abbia finora portato i risultati sperati con le sue 3 frecce (stimolo fiscale, allentamento monetario e riforme strutturali), il mese scorso il premier Abe ha rivisto e aggiornato la sua strategia, rinominandola Abenomics 2.0. L’attesa è per un nuovo programma di politiche sociali volte ad aiutare soprattutto le donne, che rinunciano al lavoro per occuparsi dei figli o dei genitori (o suoceri) anziani. L’obiettivo è di aumentare la partecipazione a lavorare da parte della popolazione attiva. E’ atteso inoltre un intervento per aumentare la produttività in agricoltura, anche alla luce del nuovo Trattato trans-pacifico (Ttp), firmato il 5 ottobre, che liberalizza il commercio tra gli Stati Uniti e 11 Paesi asiatici, tra cui il Giappone. I consumatori nipponici sono tra i grandi beneficiari visti i dazi e le tariffe esorbitanti applicati a molti prodotti stranieri, inclusi i generi alimentari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa